Pubblicato in: Concerti News

Da Joan Baez ai Green Day: gli artisti vicini all’Italia ferita dal Coronavirus

Beatrice CurtiBeatrice Curti 10 mesi fa
Joan-Baez-2016

Questa quarantena è iniziata con la musica suonata sui balconi e sta proseguendo con i grandi musicisti internazionali che suonano per noi.

La musica è da sempre motivo di unione tra le persone: per questo motivo tantissimi artisti hanno dedicato le proprie note alla patria del bel canto.

La forza di un’Italia che canta ha colpito i VIP d’oltreoceano, dalle lacrime di Chris Evans, il granitico Capitan America del mondo Marvel fino alla voce di Joan Baez, che sul suo profilo Facebook ha cantato in ottimo italiano Un mondo d’amore, classico degli anni Sessanta.

Un gesto di grande solidarietà è arrivato anche da Bono, leader degli U2, che ha scritto spinto dall’emozione delle immagini la canzone Let your love be known, dedicandola in special modo a medici e infermieri in prima linea contro il contagio.

 

Lettere, concerti casalinghi e ricordi d’Italia

Sono tantissimi i cantanti e i musicisti che per un motivo o per l’altro sono legati al nostro paese: chi ha origini italiane, chi ama esibirsi nel nostro paese e chi ci vive.
Come Sting, che trascorre la maggior parte dell’anno a Figline Valdarno, tra Firenze e Arezzo. Il cantante britannico ha pubblicato un video dove canta il brano The Empty Chair, dedicandolo “al mio paese preferito. Mi manca l’Italia“.

Lo scorso sabato è stata la volta di Patti Smith che dal suo appartamento di New York ha dedicato a Milano e all’Italia un piccolo concerto insieme alla figlia Jesse.
“Non vediamo l’ora di rivedervi presto. Sono tempi difficili, ma siamo insieme. Non abbiate paura, usate la vostra energia in modo costruttivo” ha detto la cantante durante l’esibizione.

In tanti hanno mostrato solidarietà con gesti e dediche speciali: dal membro dei 2Cellos Luka Sulic che ha citato Così Celeste di Zucchero, suonata insieme a Milano durante un live, fino a LP, la cantante di Lost on You, tormentone del 2019,
Il vero nome dell’artista è infatti Laura Pergolizzi, italo-americana di seconda generazione.
Sui suoi canali social ha dimostrato vicinanza al suo paese d’origine tramite un messaggio: “L’Italia è un paese che mi è molto a cuore. So la criticità che state passando in questo momento e spero che questo periodo riunisca tutti, come se fossimo un unico Paese.”

I Pearl Jam, attesissimi in Italia con un concerto a Imola il 5 luglio, hanno pubblicato sulla pagina Facebook ufficiale la lettera di un fan di Bergamo, dove è raccontata la difficile situazione della città e dell’Italia intera.

Dovrebbero esibirsi a giugno in due date italiane anche i Green Day, il 10 giugno a Milano e l”11 a Firenze.
Tre Cool, batterista della band, ha pubblicato sul suo profilo Instagram una foto del gruppo avvolto dalla bandiera italiana con la didascalia “rimani forte”.

View this post on Instagram

Rimani forte ❤️🇮🇹🦄

A post shared by Tre' Cool (@trecool) on