Pubblicato in: News

Canti lungo la Via della Seta, Italia e Cina nel nome di Marco Polo

Luigi Maffei 3 settimane fa
capodanno-cinese-milano-2024

Un evento per celebrare i 700 anni dalla morte di Marco Polo e la Via della Seta percorsa dal
grande esploratore. Un’iniziativa che segnerà anche la cerimonia di apertura del World Chinese HuaFu
Congress
(Il Congresso mondiale dell’abbigliamento tradizionale cinese). Una giornata di musica per
ricordare il legame tra la comunità cinese e quella italiana.

Tutto questo avverrà sabato 25 maggio, al Collegio della Guastalla di Viale Lombardia 180, a Monza. Al
centro dell’iniziativa i Canti lungo la Via della Seta. Canzoni e abiti tradizionali cinesi per promuovere
l’amicizia tra i due popoli. Poesie per celebrare la storia, commemorando il 700° anniversario della
morte di Marco Polo
, illustre pioniere delle relazioni tra Cina e Italia.

Un ponte tra Italia e Cina

La Via della Seta, percorsa dall’esploratore veneziano, rappresenta oggi un elemento centrale nella cultura sia occidentale che orientale, fungendo da simbolo e strumento di comunicazione economica. Cantanti di musica lirica italiani e cinesi, metteranno in scena canzoni della tradizione dei due paesi. Da Barcarola veneziana a La giada verde – La notte del plenilunio. Da La ci darem la mano del Don Giovanni di Mozart a Lippen Schweigen. Fino ad arrivare ai tradizionali O sole mio e Ti amo Cina.

L’evento è promosso dall’Italian Chinese Business Association e vedrà la partecipazione del Consolato
Generale della Cina a Milano. All’evento sono stati invitati anche il sindaco di Monza Paolo Pilotto e il
presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana.

Il World Chinese HuaFu Congress (Congresso Mondiale dell’abbigliamento tradizionale cinese) è
organizzato dal ”China New Media Development Zone BeiJing New Media Joint Lab” e si terrà verso la
fine del 2024 nelle città di Hangzhou e Milano. L’evento coinvolgerà le principali università cinesi di
design, rinomate società di abbigliamento, nonché numerose organizzazioni culturali.