Pubblicato in: Teatro

Festa della Liberazione: allo Spazio Teatro 89 la vita di Gino Donè, il partigiano che salvò Che Guevara

gino donè spazio teatro 89

Un modo per festeggiare la Festa della Liberazione e farlo con uno spettacolo dedicato alla figura di Gino Donè, partigiano e rivoluzionario italiano che visse e combattè, in Italia e a Cuba, per liberare gli oppressi dagli oppressori.

Si tratta dello spettacolo dal titolo “Gino Donè, il partigiano che salvò Che Guevara” che si terrà martedì 24 aprile, alle 21, nell’auditorium Spazio Teatro 89 in via Fratelli Zoia 89 (zona San Siro).

La storia è quella di un uomo che ha dedicato la sua vita all’ideale di liberare gli oppressi dagli oppressori. Nato a San Donà del Piave in una famiglia di braccianti veneti, dopo avere partecipato alla seconda guerra mondiale con la Brigata Partigiana Piave,  alla fine della guerra incontrò molte difficoltà incontrate per trovare lavoro e così decise di partire. Fece tappa in Canada e poi raggiunse Cuba.

Dopo il colpo di Stato che portò Battista al potere, si unì – unico italiano e unico europeo – ai rivoluzionari guidati da Fidel Castro, fu a stretto contatto con Che Guevara e partecipò allo sbarco a Cuba e alla rivoluzione cubana. C’era anche lui, infatti, a bordo del Granma, lo yacht a bordo del quale Fidel Castro partì, il 25 novembre 1956, dal Messico verso Cuba con un gruppo di giovani combattenti.

A Che Guevara, il partigiano italiano (rientrato in Italia nel 2003 e morto nel 2008) salvò davvero la vita, soccorrendolo durante un attacco di asma che stava per ucciderlo. Una storia di cui per tanto tempo non si è saputo nulla ma che potreste scoprire a teatro il 24 aprile.

L’evento è a ingresso libero fino a esaurimento posti.