Pubblicato in: Concerti

L’Unicredit Pavilion apre al pubblico con un concerto gratuito

Marco Valerio 3 anni fa
unicredit-pavilion-7
Foto: Urban Life

Dopo la festa riservata della scorsa settimana, l’Unicredit Pavilion in Porta Nuova apre le sue porte al pubblico e lo fa con un evento gratuito e aperto a tutta la cittadinanza.

L’appuntamento è per martedì 28 luglio, alle ore 21.30, con il concerto fotografico Sinfonie in Scena, condotto dall’attore Giancarlo Giannini, con musiche eseguite dall’Orchestra Filarmonica Italiana e la partecipazione delle cantanti Chiara Civello ed Emanuela Loffredo. L’evento è prodotto e ideato da Tullio Mattone in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale.

Raccontare il cinema attraverso la musica e le immagini lasciateci da chi lo ha reso grande e ripercorrere, senza rendersene conto, la storia del nostro paese: questo è l’intento di Sinfonie in Scena, concerto in cui si contaminano tra loro differenti forme di arte come la musica, il cinema, il canto e il teatro.

In questo spettacolo si inverte il normale rapporto che esiste tra immagine e musica in un film: per una volta saranno le immagini ad esaltare la forza espressiva dei grandi temi musicali e non il contrario. L’obiettivo della proiezione sarà quello di esaltare le dinamiche del concerto seguendo la logica ed il tempo del direttore d’orchestra.

I temi proposti sono i capolavori legati al cinema italiano di grandi compositori quali Nino Rota, Alessandro Cicognini, Armando Trovaioli, Ennio Morricone, Nicola Piovani e molti altri ancora

Le immagini proiettate alle spalle dell’orchestra saranno invece quelle dei grandi registi che con questi compositori hanno avuto lunghi sodalizi (Luchino Visconti, Federico Fellini, Sergio Leone, Vittorio De Sica, Giuseppe Tornatore, Massimo Troisi, Roberto Benigni).

Giancarlo Giannini, icona internazionale del cinema italiano, sarà il “burattinaio” che terrà i fili di questi strumenti emozionali e sarà proprio lui ad accompagnare gli spettatori per mano in questo viaggio, attraverso racconti, aneddoti, e poesie.

L’ingresso, come detto, è libero fino a esaurimento posti.

Etichette: