Pubblicato in: News Teatro

Cinque spettacoli teatrali da vedere a Milano dal 3 al 9 aprile 2017

Foto tratta dallo spettacolo 'Mai nate' con Elisa Canfora e Francesca Perilli, regia di Paola Manfredi. Ph di Domenico Semeraro

Avete l’imbarazzo della scelta su cosa vedere a teatro? Vi state chiedendo come impiegare, culturalmente, quella sera libera o la domenica pomeriggio? Come ogni lunedì, Milano Weekend vi segnala alcune opere in cartellone nella nostra città: un nuovo appuntamento con lo #spiegoneteatri.

Ecco cosa vedere a teatro a Milano nella settimana dal 3 al 9 aprile 2017

Alcuni consigli sugli spettacoli in cartellone

  Abramo (Teatro Filodrammatici 5 – 9 aprile)

Tutti noi conosciamo la storia di Abramo, il capostipite dei popoli. Ermanno Bencivenga ha deciso di “sovvertire” un po’ le carte della Storia, grazie alla possibilità concessa agli artisti dell’immaginazione creativa per cui tutto può accadere.

“Abramo possiede migliaia di pecore che brucano l’erba di una terra benedetta dal Signore. Sara, sua moglie, accudisce Isacco, il suo unico figlio, dono ricevuto quando ormai era impossibile sperarlo. I viandanti, venuti da molto lontano, chiedono ad Abramo di sacrificare il giovane  Isacco.

Abramo impugnerà il coltello del sacrificio e alzerà il braccio… in nome del Signore, perché Abramo, come scrive Søren Kierkegaard, è “il più grande campione della fede”. Come finisce questa storia lo sanno tutti. Ma cosa sarebbe successo se Dio non fosse intervenuto su quel monte? Su questa base, il filosofo Ermanno Bencivenga fonda il suo testo Abramo” (dalla scheda).

Teresa Ludovico ne ha curato regia e adattamento. In scena Augusto Masiello, la Ludovico, Christian Di Domenico, Michele Altamura, Gabriele Paolocà e Domenico Indiveri. Prima nazionale.

ORARI: mercoledì, giovedì e sabato h 21; venerdì h 19,30; domenica h 16

PREZZI: intero 22€; convenzionati 18€; under30 15€; over65 e under18 11€

Venerdì 7 aprile, dopo lo spettacolo, è previsto un approfondimento con l’autore, Bencivenga e Monsignor Carlo Stercal, docente di teologia e delegato arcivescovile per i rapporti con le Università. A condurre la serata Armando Massarenti, filosofo ed epistemologo, caporedattore della Domenica de Il Sole 24 ore. L’ingresso all’incontro è libero fino a esaurimento posti.

  Il maschio inutile (Teatro Elfo Puccini 6 – 9 aprile)

Mentre si è appena conclusa una settimana di tutto esaurito con l’ottimo ‘Animali da bar‘ di Carrozzeria Orfeo (un’anticipazione: torneranno con la nuova produzione a dicembre) e ‘Road Movie‘, alla sua terza ripresa, continua meritatamente a conquistare pubblico (merito in primis della potenza comunicativa di Angelo Di Genio), in questa settimana vi proponiamo questo spettacolo esilarante e, al contempo, riflessivo.

Ne Il maschio inutile i quattro uomini della Banda Osiris decidono per la prima volta di costituire un gruppo di auto-aiuto. Con il contributo di un narratore di storie, Federico Taddia, e di uno scienziato dell’evoluzione, Telmo Pievani, attraversano i gironi infernali della mascolinità. È una terapia d’urto, una catarsi. Scoprono così che i loro cromosomi stanno invecchiando, che il corpo maschile è pieno di parti inutili e che in natura c’è veramente di tutto: eterosessualità, omosessualità, bisessualità, transessualità. Insomma, un’esplosione di diversità in cui il maschio tradizionale si sente piccolo e periferico. […] emerge la domanda fatidica: perché nonostante tutto i maschi sopravvivono?” (dalla nota ufficiale). La risposta, forse, in teatro.

Linguaggi differenti come la musica, le storie (tutte vere!), la comicità, la scienza, la satira sociale, conditi da una forte dose di auto-ironia, per la prima volta insieme per raccontare l’evoluzione del sesso e le sue stranezze”.

DURATA: 70′

ORARI: da giovedì a sabato h 20,30; domenica 16

PREZZI: intero 32,50€; martedì posto unico 21,50€; under25 e over65 17€; under18 e scuole 12€

  Kamaleonte (Teatro Oscar 5 – 6 aprile)

Al Teatro Oscar per due giorni arriva una commedia inedita (scritta da Emanuele Tremolada) ispirata al film di Woody Allen, ‘Zelig’. Forse non è un caso che sia al cinema (vedi ‘Moglie e Marito’ con Kasia Smutniak e Pierfrancesco Favino, in sala dal 12 aprile) che in teatro ci si interroghi mettendosi nei panni dell’altro.

Come suggerisce il titolo, Kamaleonte “affronta la difficoltà del costruire i rapporti interpersonali sfruttando il pretesto della capacità del protagonista di trasformarsi, anche fisicamente, in chi ha di fronte: se riceve la pizza a domicilio diventa all’istante il clone del ragazzo delle consegne, fino a prendere il posto del proprio psicanalista, con relativi equivoci e situazioni surreali.

In scena si ritrova la tipica atmosfera leggera e spensierata delle commedie Hollywoodiane degli anni ’60” (dalla nota ufficiale).

ORARI: h 21

PREZZI: intero 15€; under25 e over65 10€

— Mai nate (Alta Luce Teatro 7 – 8)

Tommaso Urselli aveva toccato le corde più profonde di diversi spettatori con ‘Il Tiglio. Foto di famiglia senza madre’ e promette di farlo ancora con Mai nate. Quanto è difficile comunicare? Forse è un pensiero che balena spesso nella testa di tutti noi, ma poi, nella routine di tutti i giorni, tutto scorre e ci sembra normale.

“Due gemelle senza età, chiuse dentro la propria camera, aspettando la madre… La difficoltà delle ragazze di nascere alla vita, la paura e la fragilità che segna il passaggio dall’adolescenza all’età adulta. La storia di un abbandono e di una madre alla ricerca della propria libertà e salvezza da un ambiente familiare violento e repressivo. In scena un muro di mattoni tra le cui fessure si vedono muovere le due figure di ragazze, quasi identiche, talvolta in completa mimesi con l’ambiente circostante in un’infinita e claustrofobica attesa in cui lo scorrere del tempo è scandito da giochi infantili, vecchie sveglie, battibecchi e letture di vecchi quotidiani, unici indizi della presenza di un mondo esterno” (dalla sinossi). A mettere in scena il tutto tre donne: due interpreti, Elisa Canfora e Francesca Perilli, dirette da Paola Manfredi, che già ha dimostrato di avere sensibilità e rigore, basti pensare a ‘Case Matte’.

DURATA: 60′

ORARI: h 21

PREZZI: intero 13€; ridotto 10€ + tessera associativa 2€

Eventi teatrali

— Manzoni Cultura (Teatro Manzoni 3 aprile)

Siamo in una delle settimane più attese dell’anno, quella del Salone del Mobile, per cui i protagonisti di questo appuntamento di Manzoni Cultura sono in linea con l’atmosfera che si respira in città. Marco Lodola, Fabio Novembre e Sergio Pappalettera dialogheranno con Edoardo Sylos Labini – curatore e inventore del format – e il giornalista Giovanni Terzi. Lodola è un artista visivo, noto per le sue sculture luminose con cui ha reso magici non solo le gallerie, ma anche le scene teatrali e cinematografiche. Novembre e un architetto e art director celebre a livello mondiale ed infine Pappalettera è un artista, anche regista, impegnato su più fronti, compresi i videoclip musicali.

Ad arricchire ulteriormente la serata ci saranno l’artista visivo Alfredo Rapetti Mogol e il bassista Saturnino.

ORARI: inizio serata h 20; aperitivo dalle h 19

PREZZI: biglietto unico 10€

 

Etichette:
Milano Weekend