Pubblicato in: Teatro

Non correre Amleto in scena al Teatro i

AvatarMarco Valerio 5 anni fa

NON-CORRERE-AMLETO-lowDal 23 settembre è in scena al Teatro i di Milano Non correre Amleto, nuova produzione Teatro i con il contributo di Regione Lombardia / NEXT.

Uno spettacolo che, con lieve profondità, riesce a raccontare l’ironia di una morte stupida, di una tragedia evitabile. Una riflessione sul pensiero magico, secondo il quale ci si illude di poter interferire con il proprio destino.

Attraverso il dialogo tra i due personaggi la trama si svela, ed emerge il legame che li unisce. Due monologhi che lentamente si intersecano e svelano il sottile confine tra “l’essere e il non essere”.

Il testo di Non correre Amleto è scritto da Francesca Garolla, mentre la regia è firmata da Renzo Martinelli e le interpreti sono Elena Ghiaurov e Milutin Dapčevic.

“Non correre” è qualcosa che si dice ai bambini, un ammonimento, un rimprovero. Se ti metti a correre e non stai attento c’è il rischio di perdere l’equilibrio, c’è il rischio di non vedere se arriva un’auto mentre attraversi la strada, c’è il rischio persino di morire. E la morte appare per quello che è, stupida e ridicola.

Si parla di una piccola storia in cui le cose non sono andate come dovevano andare, fosse anche per un solo dettaglio. Il 29 maggio 1993 un convoglio di aiuti umanitari diretto alle città di Vitez e Zavidovići – ex Jugoslavia, Bosnia Erzegovna – viene assalito da una banda militare nei pressi di una strada chiamata Diamond Route, Via dei diamanti. Tre persone vengono uccise, mentre due riescono a fuggire scappando nei boschi.

“Una delle tre vittime era mio zio, ed io avevo meno di dodici anni quando è morto” racconta Francesca Garolla. “La sua morte consiste in frammenti di ricordi. Quello che si sa è solo che non cercò di scappare, i suoi compagni iniziarono a correre e lui rimase fermo, immobile, colpito da tre pallottole a bruciapelo. Lo ritrovarono un paio di giorni dopo, esattamente dove doveva essere, ma senza le scarpe. La morte, che non ci tiene alle formalità, lo aveva lasciato scalzo. Ridicolo”.

Non correre Amleto sarà in scena al Teatro I (via Gaudenzio Ferrari 11) fino al 19 ottobre.

INFO E BIGLIETTERIA:

Lunedì /giovedì / venerdì ore 21, mercoledì / sabato ore 19.30 / domenica ore 17

Durata: 70 minuti (senza intervallo)

Per info e prenotazioni: telefono 02/8323156 – 366/3700770 – biglietteria@teatroi.org – www.teatroi.org

Intero: 18 euro / convenzionati: 12 euro / under 26: 11,50 euro / over 60: 9 euro

Giovedì vieni a teatro in bicicletta: 7 euro

Biglietti disponibili su www.vivaticket.it

Etichette: