Pubblicato in: Mostre

Mostre Milano 2013: sperimentazioni avanguardiste al Quartiere Isola

Dal 22 marzo al 5 maggio la Galleria Giovanni Bonelli apre al pubblico la mostra collettiva Stazione Inganni con 11 artisti del panorama italiano e internazionale. Nel cuore del rivalutato quartiere Isola di Milano, cosi’ detto perché virtualmente separato dal resto della città dal grande scalo ferroviario, va in scena una ristretta e accurata selezione di autori e di opere, al cui centro vi è una riflessione sui concetti di mimesi, di gioco e di simulazione, talvolta sconfinando nell’ambito dell’illu­sionismo e della magia. Concetti espressi utilizzando i materiali più diversi, più o meno all’avanguardia, difficili da trattare per com­posizione organica, durezza, asperità che danno luogo a tecniche inaspettate e innovative.

Artisti come Liu Bolin o Andrea Galvani ingannano lo spettatore attraverso «immagini di immagi­ni» riflesse e finte spazialità, Aldo Mondino, Piero Gilardi e Pino Pascali ricercano lo straniamento del pubblico mediante l’utilizzo di sostanze spesso e volentieri “sperimentali” per le scienze dei materiali.

Sul­la stessa scia e con altrettanta ironia si colloca il lavoro di Vik Muniz, la cui fantasia non vede limiti nell’utilizzo di polvere, cioccolato, rifiuti, diamanti, caramello, segatura, zucchero e nonostante i rischi, il risultato è ogni volta una sorpresa. Ancora, lo stravagante Bruno Munari, che è riuscito a fare del paradosso e dell’assurdo il suo “modus operandi”. Macchine inutili, libri illeg­gibili, forchette parlanti, sculture da viaggio, sono solo alcuni esempi dell’universo rovesciato di questo grande inventore.

Guardando il lavoro di Wim Delvoye alcuni scambieranno per pregiati piatti in ceramica le seghe circolari dipinte in stile azulejos, riposte e ordinate in lucide credenze lignee o le grandi cartine per mappe territoriali chiare e affidabili. Si riconoscono da lontano, le composizioni in colla termofusibile multicolore di Davide Nido, che no­nostante la loro dimensione sintetica, riescono ad essere tremendamente optical e pop.

Infine, Michelangelo Galliani e Antonio Trotta cercano l’illusione ottica nel marmo, il primo attraver­so sculture realizzate secondo la maestria “classica”, il secondo, con «sculture impossibili» in lotta con i concetti di spazio e tempo, in grado di generare malintesi per via di forma, dettaglio e plasticità del materiale stesso che le compone.

Dal 5 marzo al 22 maggio alla Galleria Giovanni Bonelli

Via Porro Lambertenghi, 6

Dal martedi’ al sabato dalle 11 alle 19 – ingresso gratuito

Forse sei interessato a: