Pubblicato in: Festival

Oltre 60 eventi, un villaggio in Porta Venezia e la grande parata: riecco il Milano Pride

Milano Pride 2018
Foto: Alice Redaelli

Sarà il motto #CiviliMaNonAbbastanza a guidare la parata del Milano Pride 2018 di sabato 30 giugno, durante la quale il popolo arcobaleno della comunità LGBT+  sfilerà compatto per le vie della città: un grande segnale, quello dell’annuale appuntamento, per lanciare un messaggio di inclusione che superi ogni discriminazione e pregiudizio.

In tutto però saranno 10 i giorni della cosiddetta Pride Week, 60 eventi organizzati da oltre 40 associazioni attive sul territorio e brand nazionali e internazionali.

Sono questi i numeri che caratterizzano l’edizione 2018 del Milano Pride, manifestazione dell’orgoglio gay, lesbico, bisessuale, transessuale, asessuale e intersessuale, promossa dal C.I.G. Arcigay Milano e dal Coordinamento Arcobaleno, con il patrocinio del Comune di Milano, della Città Metropolitana di Milano e della Commissione Europea, tra gli altri.

Pride Square

La Pride Square, sarà invece un vero e proprio villaggio dedicato alla cultura queer diffuso in tre epicentri della città e localizzato a Porta Venezia, attivo dal 28 al 30 giugno.

Vediamo dunque le iniziative principali della Pride Square.

Dal pomeriggio di giovedì 28 fino a sabato mattina in Piazzale Lavater nasce il Rainbow Garden, un grande spazio con giochi e attività per i più piccoli. Si tratta di un’iniziativa fortemente voluta da Milano Pride e dall’associazione Famiglie Arcobaleno in collaborazione con il Blanco, il Ristorante Olio e la Gelateria Wally, finalizzata ad educare i più piccoli alla diversità e alla condivisione, anche grazie alla casa editrice per bambini Stampatello.

In Via Vittorio Veneto si terranno invece serate e party:  presso la scalinata si trova infatti il palco principale della Pride Square. Giovedì 28 e venerdì 29 giugno La Wanda Gastrica presenta le selezioni per il Nord Italia de Il Gay Più Bello d’Italia e quelle regionali di Miss Drag Queen. I vincitori competeranno poi per il titolo nazionale allo storico Mamamia di Torre del Lago in Versilia.

Largo Bellintani ospita invece le iniziative organizzate dalle associazioni, aziende e gruppi LGBT+ impegnati a diffondere i messaggi e valori del Pride. Giovedì 28 dalle 20.00 Checcoro – il primo coro LGBT+ di Milano
– e Good News danno appuntamento per il tradizionale concerto a cappella. Inoltre vi sarà una postazione permanente dove tutti potranno sottoporsi gratuitamente a test HIV rapidi, a cura del Gruppo Salute del CIG Arcigay, di LILA Milano ONLUS e di ASA ONLUS Milano.

PRIDE-SQUARE-MAPPA-min

Pride Week

Per quanto riguarda la Pride Week vi consigliamo di leggere il nostro articolo con tutti gli eventi in programma. E non dimenticate di dare uno sguardo alla programmazione del Festival MIX Milano.

La parata del Milano Pride

Anche quest’anno la tradizionale parata, prevista per sabato 30 giugno, vedrà il ritrovo preliminare Piazza Duca D’Aosta alle 15.00 (Metropolitana MM2 e MM3 Centrale): si attraverserà Piazza Caiazzo per proseguire lungo Corso Buenos Aires e terminare qundi in Porta Venezia, dove si svolgerà un party cittadino a cielo aperto.

Madrina del Pride 2018 è Drusilla Foer, che sul palco condurrà lo spettacolo conclusivo insieme allo speaker Fabio Marelli di Discoradio. Musica e danze si alternano ai discorsi delle istituzioni e delle associazioni. Il finale è affidato invece al flashmob organizzato da Angelo Cruciani.

Per garantire maggiore inclusione è attivo il Progetto Accessibilità che ha come obiettivo l’integrazione di tutti gli individui per contrastare pregiudizi, discriminazioni o emarginazioni causate da disabilità (sensoriali e/o fisiche): nella pratica si tratta di un servizio di accompagnamento per persone non vedenti o con difficoltà motorie e in un servizio di interpretariato in LIS per le persone sorde. Per informazioni accessibilita@milanopride.it

milano pride percorso

Etichette: