Pubblicato in: Mostre News

Milano MuseoCity 2021: gli eventi online fino al 7 marzo

castello-sforzesco.milano
Photo Credits: Beatrice Curti

Milano MuseoCity torna per la sua quinta edizione dal 2 al 7 marzo 2021, con un programma di eventi esclusivamente digitali dopo il ritorno della Lombardia in zona arancione.

Oltre 85 musei d’arte, di storia, musei scientifici, case museo, case d’artista, archivi e musei d’impresa parteciperanno all’evento con incontri, visite guidate e iniziative speciali pensate per divulgare le meraviglie di Milano.

Il tema dell’edizione 2021 di MuseoCity è “I Musei curano la città”. Si vuole evidenziare come il patrimonio culturale sia un veicolo fondamentale per diffondere conoscenza, idee e senso di comunità in un momento così delicato. I Musei “curano” la città aprendosi ad essa con iniziative pensate per suscitare l’amore per l’arte e la voglia di condividere in sicurezza un tesoro comune.

Con l’inserimento della Lombardia in zona arancione tutte le attività in presenza sono sospese a causa della chiusura dei musei, ma il calendario resta invariato e MuseoCity confermata.

MuseoCity 2021: il programma e i musei aderenti

Come ogni anno accanto a MuseoCity prende vita l’iniziativa “Museo segreto“, con visite guidate virtuali ed esposizioni di oggetti e aree dei musei solitamente nascoste al pubblico.

Sul sito ufficiale dell’evento saranno inoltre disponibili conferenze online e approfondimenti sulle collezioni e il rapporto tra gli enti museali di Milano.

ACACIA – Associazione Amici Arte Contemporanea Italiana

 Viale Luigi Majno, 24

  • Da sabato 6 marzo, ore 9:30
    Attività digitale YouTube
    Acacia presenta Lara Favaretto, artista eclettica e dalle numerose sfaccettature. L’Associazione Acacia in occasione di Museo Segreto 2021 presenta un video che spiega nel dettaglio l’opera della Collezione Acacia “No One Knows About Persian Cats” (2011) dell’artista Lara Favaretto.

Acquario e civica stazione idrobiologica

Viale G. B. Gadio, 2

  • Dal 2 marzo, ore 9.30
    L’aquario per la città.
    Verranno presentati alcuni aspetti inediti dell’attività dello staff dell’Acquario Civico sul territorio, attraverso immagini e brevi testi. Verranno proposte inoltre visite guidate mirate alla conoscenza di specie che necessitano spesso di interventi in città.
  • Domenica 7, ore 15
    Visita guidata online.
    Visite guidate alle vasche dell’Acquario. Un’occasione per conoscere gli ambienti subacquei riprodotti e tante curiosità sulle specie presenti ma anche per scoprire le quotidiane cure necessarie a garantire il benessere degli animali ospitati. Attività gratuita con prenotazione obbligatoria (inviare una mail a eventi@verdeacqua.org indicando il turno scelto, nome e cognome di un referente e numero di persone). Le visite saranno svolte on line su piattaforma Zoom. In questo secondo caso gli iscritti riceveranno un link per partecipare alla diretta. Per informazioni 02 804487

Archivio Rachele Bianchi

Via Legnano, 14, 20121 Milano

  • Dal 5 al 7 marzo, dalle 10 alle 18
    La donna secondo Rachele Bianchi: 70 anni di trasformazioni.
    Sarà presentato lo sguardo di una donna sull’universo femminile in trasformazione. attraverso una selezione di opere dell’artista Rachele Bianchi. Verrà esposto il preparatorio originale della prima scultura femminile di una donna in uno spazio pubblico di Milano. Il percorso terminerà con un salto nella Milano degli anni Venti attraverso i segreti dell’inedito Palazzo Lombardo.
  • Da sabato 6, ore 16:30
    Attività digitale YouTube. Re e Regine
    A pochi mesi dalla scongiurata guerra nucleare a seguito della crisi dei missili di Cuba, il mondo attraversa una delle fasi più critiche della storia del Novecento. La scacchiera era l’immaginario perfetto su cui si giocava quella logorante guerra fredda tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica. Anche Rachele, che con quest’opera sembra collegare idealmente la dimensione globale a pratiche ludiche più intime e familiari, attraversa in questi anni una profonda fase di cambiamento. Inizia così a delinearsi quella poetica umana priva di raffinatezze e sentimentalismi, punto nodale delle raffigurazioni successive di Rachele che la porteranno a mettere al centro la donna in tutte le sue espressioni.

MUDEC – Museo delle Culture

Via Tortona, 56

  • Dal 5 al 7 marzo
    Il mondo degli strumenti musicali.
    Per la rassegna “Museo segreto” verrà esposta presso il MUDEC una significativa selezione di strumenti musicali di provenienza extraeuropea: un’occasione unica per conoscere e ammirare una serie di opere solitamente non presenti nel percorso di visita.

Archivio Alberto Zilocchi

Via Monte Rosa, 13

  • Venerdì 5 marzo, ore 10
    Attività digitale | Museo Segreto

    Maurizio De Palma presenta un approfondimento sull’opera di Museo Segreto
  • Sabato 6 marzo, ore 10
    Attività digitale
    Alberto Zilocchi e il Movimento nord-europeo di Arte Concettuale Costruttivista Concreta

Archivio atelier Pharaildis Van den Broeck

Via Marco Antonio Bragadino, 2

  • Sabato 6 marzo, ore 15
    Attività digitale | Letture d’opera a cura di Art UP
    Partendo da alcune opere di Phara e accompagnati in un dialogo interattivo dall’equipe composta da storici dell’arte, psicoanalisti e Facilitatori Arte Salute i partecipanti saranno invitati a esprimersi su temi come marginalità tra libertà e costrizione, simboli privati e archetipi, iconografia classica e contemporanea e molti altri. Questo appuntamento sarà trasmesso in diretta Facebook sulla pagina dell’Archivio Atelier. Per iscriversi al workshop scrivere a aa.pharaildis.vandenbroeck@gmail.com

Archivio Eugenio Carmi

Via Giuseppe Meda, 43

  • Da martedì 2 marzo
    Attività digitale | Eugenio Carmi. Il tempo tra parentesi

    Eugenio Carmi, esponente dell’astrattismo italiano, porta l’arte in fabbrica vivendo da protagonista un’epoca in cui imprenditori illuminati lavorano per un’industria che produca anche cultura. Responsabile dell’immagine dell’impianto siderurgico di Cornigliano, poi Italsider, Carmi privilegia forme geometriche, giocando con i colori ma anche con la matematica, dal teorema di Pitagora alla sezione aurea.

Armani / Silos

Via Bergognone, 40

  • 5 marzo, ore 19, 6 marzo, ore 11 e 17, 7 marzo, ore 11 e 17
    Attività digitale | Visite guidate virtuali
    I tour guidati virtuali alla scoperta di Armani/Silos: una panoramica sugli oltre quarant’anni di moda Giorgio Armani, arricchita da contenuti digitali e contestualizzata dal prezioso racconto di una guida con cui è possibile interagire. Ogni visita dura circa 45 minuti ed è in lingua italiana. Prenotazione tramite call center (02 91630010) o tramite email virtualtour@armanisilos.com. Le prenotazioni sono aperte dal 1 al 7 marzo compreso.

Casa Museo Boschi di Stefano

Via G. Jan, 15

  • Dal 2 al 5 marzo, dalle 10 alle 17.30 (ultimo ingresso ore 17.00). Domenica 7, ore 11
    Attività digitale: Luoghi della mente conosciuti e sconosciuti
    Letture d’opera a cura di Art UP. Partendo da alcune opere di Lucio Fontana e Mario Sironi conservate nella Casa Museo Boschi Di Stefano e accompagnati in un dialogo interattivo dall’equipe composta da storici dell’arte, psicoanalisti e Facilitatori Arte Salute i partecipanti saranno invitati a esprimersi su temi artistici e psicoantropologici. Questo appuntamento sarà trasmesso in diretta Facebook sulla pagina dell’associazione Art UP Facilitatori Arte Salute.
  • 5 marzo, dalle 15 alle 16.30
  • Sabato 6 marzo, ore 17
    Attività digitale | Tu sei buono e ti tirano le pietre. Fortuna e sfortune di Lucio Fontana
    Conferenza del prof. Alessandro Del Puppo, Università degli Studi di Udine. Di volta in volta c’è stato o è sembrato esserci un Fontana spazialista, un Fontana barocco, un Fontana astratto, un Fontana concettuale e pure un Fontana bizantino. Ma cosa può voler dire quella mirabile intrusione di pietre colorate che si trova in alcuni dipinti di Casa Boschi Di Stefano? A partire da quei dipinti a paste vitree si proverà a ragionare su traiettorie e intenzioni di uno dei più noti e controversi artisti italiani del Novecento, a partire da una domanda cruciale: cosa significa sostituire al colore le materie colorate? Attività online sulla piattaforma Zoom. Prenotazione obbligatorio all’indirizzo c.casaboschi@comune.milano.it

Civico museo archeologico – Monastero Maggiore di San Maurizio

Corso Magenta, 15

  • Domenica 7, ore 15:30
    MuseoKids | Realizziamo un amuleto egizio! Visita virtuale con laboratorio online, per bambini
    La mostra “Sotto il cielo di Nut” attualmente in corso al museo archeologico ci permette di entrare in contatto con le divinità del pantheon egizio, facendoci conoscere anche quelle più sconosciute o particolari. Durante la visita, osserveremo da vicino alcuni amuleti e le divinità deputate alla salute non solo fisica, per capire come gli Egizi curavano la propria “incolumità” fisica e morale; e poi realizzeremo il nostro personale amuleto cura-anima! L’attività si svolgerà tramite la piattaforma Zoom, al momento della prenotazione verrà inviato il link per partecipare all’iniziativa. Materiali: occorrente da disegno, lamina di rame/alluminio o teglie in alluminio con fondo liscio da ritagliare, pennelli e tempere oppure pennarelli indelebili colorati. Durata: 1h 30’. 8 € a connessione. Prenotazione obbligatoria: segreteria@spazioaster.it, T. 02 20404175

Fondazione Pirelli

Viale Piero e Alberto Pirelli, 25

  • Venerdì 31 luglio, ore 15
    Opere d’arte da viaggio – Laboratorio creativo online per bambini dai 6 agli 8 anni
    Un percorso interattivo dedicato ai bambini per conoscere alcuni dei tesori dell’Archivio Storico Pirelli: fotografie, bozzetti, manifesti realizzati da grandi artisti, fotografi e designer. Il laboratorio si concluderà con la realizzazione di una piccola opera d’arte da viaggio, da mettere in valigia.
    Durata 60 minuti circa
  • Venerdì 31 luglio, ore 18
    Storie di creatività al femminile – Live virtual tour
    Una visita inedita degli spazi della Fondazione per approfondire il rapporto tra Pirelli e l’arte al femminile: designer, fotografe, scrittrici e giornaliste, ma anche testimonial del mondo del cinema, del teatro e dello sport. Ripercorriamo insieme quasi 150 anni di comunicazione visiva della “P maiuscola”.
    Durata 50 minuti circa

GASC – Galleria d’arte sacra dei contemporanei

Via G. Terruggia, 14

  • Venerdì 5 marzo
    Museo Kids | DENTRO LE MURA, TANTI INCONTRI

    Storie di luoghi e incontri nei dipinti di Silvio Consadori. Chi sono i protagonisti? Cosa li ha portati fin qui? Con creatività e tecniche diverse, costruiamo con loro nuovi incontri. Attività autonoma online scaricabile sul sito ufficiale.

MAUA – Museo Arte Urbana Aumentata

Via Antonio Tantardini, 22

  • Domenica 7, ore 15
    Visita guidata | MAUA | MuseoCity 2021 tour

    Street art tour alla scoperta dei murales animati in realtà aumentata del Museo di Arte Urbana Aumentata. In occasione di Museo City MAUA torna on the road a Milano per un tour guidato dalla critica ed esperta di street art Chiara Canali. Il tour partirà nei pressi della stazione centrale per poi condurvi fino in zona Niguarda, per vedere dal vivo i murales animati degli street artist che nelle ultime settimane sono stati protagonisti delle dirette social Street Art Corner. Per visualizzare le opere aumentate è necessario scaricare la app gratuita Bepart.
    N.B. Il tour si svolgerà con un minimo di 7 iscritti. Meeting point presso MM Sondrio (in superficie). Durata prevista: 2 ore. Biglietto 8 €, prenotazione obbligatoria.

Musei del Castello Sforzesco

Piazza Castello

  • Martedì 2 marzo, ore 15
    Podcast e YouTube | Emozioni al Castello Sforzesco.

    Le conservatrici presentano le 4 opere scelte per Museo Segreto Giovanna Mori, Francesca Tasso, Valentina Ricetti e Fiorella Mattio presentano le quattro opere scelte per Museo Segreto, che accompagnano il visitatore in un percorso fra le emozioni attraverso l’arte al Castello Sforzesco, dal sentimento di conforto negli affreschi dell’Ospedale Spagnolo alla compassione nelle sculture del Compianto di Casoretto, alla gioia della musica e della danza nel Chitarrone Iungmann e nella Ballerina di Pietro Melandri.

Civica raccolta delle stampe Achille Bertarelli

  • Martedì 2 marzo, ore 13
    Podcast e YouTube | Venere punta dalla spina di un roseto
    Ancora oggi nel linguaggio comune Venere è sinonimo di bellezza femminile. Tra le incisioni antiche che l’hanno rappresentata e che sono oggi conservate presso la Raccolta delle Stampe Achille Bertarelli, il bulino di Giorgio Ghisi con la favola di Venere punta dalla spina di una rosa (1556) costituisce un esempio di eccezionale complessità tecnica e iconografica. Il soggetto è ripreso da un dipinto perduto del pittore Luca Penni, già allievo di Raffaello a Roma, attivo dagli anni Trenta del Cinquecento presso la residenza di Francesco I a Fontainebleau. L’opera appartiene al periodo della piena maturità dell’incisore che, originario di Mantova, lavorò per un periodo nelle Fiandre, ad Anversa, e prima di rientrare in Italia fece tappa in Francia, dove realizzò questa incisione. Lo stile grafico è a questo punto del suo percorso arricchito di una sensibilità nella descrizione del dato naturalistico, affinata a contatto con la cultura visiva nordica

Civico archivio fotografico

  • Mercoledì 3 marzo, ore 9.30
    Approfondimento Museo Segreto | I chimigrammi di Paolo Monti
    Paolo Monti, tra i maggiori fotografi italiani del Novecento, creò con i chimigrammi (datati tra 1960 e 1970) immagini “astratte” a partire da sperimentazioni sulla “materia” della fotografia (la carta e le sostanze chimiche) che lo avvicinarono alle pratiche pittoriche a lui contemporanee e delle quali fu appassionato e attento indagatore.
  • Martedì 2 marzo, ore 15.30
    YouTube | “Lavori in corso” al Civico Archivio Fotografico: L. Metlicovitz, Boschi Di Stefano, Cesare Colombo
    Saranno presentati i fondi storici Leopoldo Metlicovitz e Boschi Di Stefano, oggetto di recenti catalogazioni e studi. L’ultimo approfondimento è dedicato a Cesare Colombo e al suo intenso sguardo sulla città di Milano, fotografo a cui l’Istituto ha recentemente dedicato un’importante mostra.
  • Mercoledì 3 marzo, ore 15.30
    YouTube |“Lavori in corso” al Civico Archivio Fotografico: Paolo Monti e Henri Cartier Bresson

    Saranno presentate le ricerche condotte su alcune fotografie di Paolo Monti (1908 – 1982) dedicate all’arte del Novecento e legate al suo rapporto col gallerista Carlo Cardazzo. Sarà inoltre presentato un nucleo di fotografie di Henri CartierBresson, esposte al PAC nel 1983, in rapporto anche alle mostre tenutesi a Milano e dedicate all’opera del grande fotografo francese
  • Giovedì 4 marzo, ore 15.30
    YouTube |“Lavori in corso” al Civico Archivio Fotografico: Carla Cerati e Vincenzo Aragozzini

    Saranno presentati due importanti fotografi: Carla Cerati (1926 – 2016), il cui archivio è in deposito presso l’Istituto, con la serie “Manicomi”; Vincenzo Aragozzini (1891 – 1974) che ha lavorato a Milano nel campo dell’arte, dell’architettura, dell’industria e della cronaca politica e di cui l’Istituto conserva anche parte importante dell’archivio di negativi antichi su vetro.

Gabinetto dei disegni

  • Giovedì 4 marzo, ore 9.30
    Podcast e YouTube | Testa di Leda

    In linea con il tema di questa edizione di MuseoCity, il Gabinetto dei Disegni del Castello Sforzesco ha individuato quale icona del potere taumaturgico della bellezza, il volto di Leda che Leonardo da Vinci ha fissato a matita rossa su una carta rosata verso il 1504-1506, in preparazione di un dipinto ora perduto. È solo attraverso il confronto con alcune copie antiche del dipinto che sono giunte sino a noi, che si può comprendere appieno il significato della posa della figura ritratta, definita nei dettagli solo in parte, e della particolarissima espressione del suo volto, incorniciato da una ricercata acconciatura, che si riconosce anche in altri fogli di studio di Leonardo. Entrato a far parte delle raccolte civiche nell’Ottocento, il disegno sembra provenire dalla collezione della famiglia dei nobili Attendolo Bolognini. La Testa di Leda, già descritta nell’Ottocento come ampiamente lacunosa e con importanti danni recati dal tempo, è stata resa di nuovo pienamente godibile attraverso alcuni interventi di restauro e oggi costituisce pertanto l’emblema di una bellezza ferita e restituita.

Museo dei mobili e delle sculture lignee

  • Mercoledì 3 marzo, ore 14
    Podcast e YouTube | Emozioni al Castello Sforzesco. 2 – Il Compianto di Casoretto

    Francesca Tasso, Conservatore Responsabile delle Raccolte Artistiche del Castello Sforzesco presenta tre sculture lignee raffiguranti la Madonna, San Giovanni e Maria Maddalena, che facevano parte di una grande ancona lignea degli inizi del Cinquecento, in origine sopra un altare in una cappella della chiesa di Santa Maria della Misericordia in Casoretto, a Milano, capaci di trasmettere ancora oggi al visitatore una forte carica emotiva.

Museo degli strumenti musicali

  • Giovedì 4 marzo, ore 14
    Podcast e YouTube | Emozioni al Castello Sforzesco. 3 – Il Chitarrone Iungman

    Valentina Ricetti, aiuto conservatore del Museo degli Strumenti Musicali, presenta uno dei capolavori del Museo, il Chitarrone Iungman, strumento dai suoni gravi, profondi e ricchi di armonici che veniva utilizzato nel Seicento sia per accompagnare il canto sia come strumento solista.

Museo della Pietà Rondanini

  • Martedì 2 marzo, ore 14
    Podcast e YouTube |
    Emozioni al Castello Sforzesco. L’Ospedale Spagnolo
    Giovanna Mori, conservatore responsabile del Museo Pietà Rondanini presenta l’Ospedale Spagnolo del Castello Sforzesco, restaurato nel 2015 e da allora sede del nuovo Museo della Pietà Rondanini, Con i suoi affreschi e con il capolavoro che custodisce rappresenta un esempio eccellente dell’arte come cura per l’anima.

Museo delle arti decorative

  • Venerdì 5 marzo, ore 14
    Podcast e YouTube | Emozioni al Castello Sforzesco. La Ballerina di Pietro Melandri
    Fiorella Mattio, Conservatrice delle Raccolte d’Arte Applicata moderna e contemporanea del Castello Sforzesco, presenta la Ballerina di Pietro Melandri, importante ceramista del XX secolo. La giovane danzatrice raffigurata invita il visitatore a farsi coinvolgere dalla musica e dalla danza e a diventare spettatore dell’opera in corso

Museo di Storia Naturale di Milano

Corso Venezia, 55

  • Mercoledì 3 marzo, ore 10.30
    Attività digitale | Biodiversità da curare Esistono ancora piante rare a Milano?
    Il Museo di Storia Naturale di Milano tiene continuamente monitorata la biodiversità vegetale naturale della città. Purtroppo è in continuo calo, ma le sorprese non mancano. Non solo nelle aree verdi superstiti, ma anche dove meno te lo aspetti. Aiutandoci con i campioni d’erbario, faremo un breve tour dal centro storico al Parco delle Cave e al Monte Stella.
  • Martedì 2 marzo, ore 10,30
    Attività digitale | Museo di Storia Naturale e Milano: insieme da 183 anni.
    La storia del rapporto tra il Museo di Storia Naturale e la città nasce nel 1838 da un gesto generoso: la donazione da parte di Giuseppe De Cristoforis e di Giorgio Jan delle collezioni naturalistiche accumulate in anni di raccolte. Così il Museo di Storia Naturale diviene, in Milano, il primo museo civico aperto al pubblico e, in breve, un polo di attrazione amato da tutti, adulti e bambini, e centro di educazione scientifica.

Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci

Via San Vittore, 21

  • Da domenica 7 marzo, ore 9.30
    Attività digitale | La Storia del fiammifero
    Non solo le grandi invenzioni ma anche oggetti più piccoli e banali, come i fiammiferi, hanno una storia. La nascita di cerini e zolfanelli infiamma l’Europa a inizio Novecento e produce indifferentemente l’avvio di imprese industriali e accuse di stregoneria. Paola Redemagni, archivista del Museo, apre la Raccolta Documentaria dei Primati Scientifici e Tecnici Italiani per raccontarci una bellissima storia che parte dagli zolfanelli per arrivare al grande design italiano
  • Mercoledì 3, ore 9.30
    Attività digitale | La collezione di motociclette – visita al deposito
    Dietro un grosso portone di metallo si nasconde una meraviglia: il deposito della collezione di moto del Museo. Marco Iezzi, Curatore Trasporti del Museo, ci accompagna in un rapido viaggio a due ruote.

Museo Teatrale alla Scala

L.go Ghiringhelli, 1

  • Giovedì 4 marzo, ore 10
    Attività digitale | VA PENSIERO – Il mito della Scala tra cronaca e critica-La Scala nella letteratura
    Nella mostra del Museo Teatrale alla Scala, a cura di Pier Luigi Pizzi, si parla ampiamente del rapporto della Scala con la letteratura, che non è dovuto solo all’assidua frequentazione dei tanti scrittori – da Parini a Manzoni, da Stendhal a Porta – che hanno considerato la Scala come un salotto in cui incontrarsi e discutere, ma anche alla presenza del Teatro in diverse opere letterarie di grande rilevanza. Ad esempio “La Certosa di Parma” di Stendhal, il racconto “In piazza della Scala” da “Per le vie” di Giovanni Verga, “Addio alle armi” di Ernest Hemingway, il racconto “Paura alla Scala” di Dino Buzzati, “L’anonimo lombardo” di Alberto Arbasino e altri.
  • Da martedì 2 marzo, ore 9.30
    Attività digitale: La Scala e il rapporto con la città
    Nel 1852 il pittore lombardo Angelo Inganni dipinse una delle tre versioni della facciata del Teatro alla Scala. Il teatro è raffigurato colpito dal sole e prima della realizzazione della piazza antistante, che sarà conclusa nel 1872 con il monumento a Leonardo da Vinci. Il teatro si affacciava allora sulla corsia del Giardino (attuale via Manzoni) lungo la quale il vedutista colloca le sue caratteristiche macchiette di persone: una carrozza, gruppi di popolani, un lustrascarpe, un nano, dei soldati… Davanti al teatro il caffè della Cecchina e il caffè Martini, sede dei carbonari.
  • Mercoledì 3, ore 10
    Attività digitale | Timeline: come cambia un quartiere
    Questo video, realizzato per la mostra “240 anni del Teatro alla Scala. Da Piermarini a Botta” ricostruisce la storia, sotto forma di linea del tempo, dello sviluppo architettonico della Scala e del suo contesto urbanistico. Un racconto dinamico e di sintesi sull’evoluzione storica del Teatro e della piazza antistante, che impone un nuovo cambio di vista e prospettiva, oltre a testimoniare il legame indissolubile tra il nostro principale teatro e la città che lo ha visto nascere.

Palazzo Morando – Costume, moda, immagine

Via Sant’Andrea, 6

  • Da martedì 2 a domenica 7 marzo
    Attività digitale | IL RITROVAMENTO DEI CIMELI DI EDOARDO FERRAVILLA
    Dal 2 al 7 marzo Cineteca Milano in collaborazione con Palazzo Morando, renderà disponibili al pubblico sul sito della Cineteca e sulla piattaforma Youtube di MuseoCity i contenuti dell’eccezionale ritrovamento di quattro bauli contenenti numerosi e preziosi materiali appartenuti al grande attore e commediografo milanese Edoardo Ferravilla, donati nel 1937 dalla figlia presso gli archivi del Museo di Milano. I materiali includono abiti di scena, spartiti musicali, diari, lettere, diverse fotografie personali e di scena, oltre ad alcuni esclusivi acquerelli realizzati dallo stesso Ferravilla, riguardanti alcuni dei suoi personaggi più celebri. El Tecoppa, Gigione, Massinelli, el Sciur Pànera e zio Camola sono alcune delle memorabili maschere meneghine dell’istrionico Ferravilla, che seppe dare nuovo lustro al teatro milanese, dandogli grande rilevanza nazionale. Per quanto il suo nome sia indissolubilmente legato alle tavole del palcoscenico, Ferravilla è titolare di una carriera cinematografica breve ma di primo piano, figurando perlopiù il suo nome accanto a quello del pioniere del cinema milanese e nazionale Luca Comerio. Ilaria De Palma, conservatrice di Palazzo Morando – Costume, moda e immagine, insieme a Matteo Pavesi, direttore generale di Cineteca Milano, illustrano la meraviglia della scoperta dei cimeli di Ferravilla in alcune clip disponibili gratuitamente in streaming. A disposizione degli spettatori anche 3 pièce (La class di asen, Tecoppa & C. – Scena IV e Scena musicale a soggetto), restaurate per l’occasione da Cineteca Milano e filmate nel 1914 da Luca Comerio, che diede al teatro di Ferravilla una memoria cinematografica.

 

Etichette: