Pubblicato in: News Trasporti

Milano mette la quarta: al via la campagna informativa sulla M4

Marco Valerio 5 anni fa

Come ben sapete, Milano ha quattro linee metropolitane: M1, M2, M3 e…M5! E la M4? Forse, finalmente, ci siamo!

“Mettiamo la quarta. Milano più veloce per tutti”: da lunedì 12 gennaio parte la campagna di comunicazione su M4 Milano, la nuova linea metropolitana cittadina.

Manifesti di vari formati saranno visibili fino al 25 gennaio nelle metropolitane, lungo le pensiline dei mezzi di superficie e in tutti i circuiti bikeMi.

La campagna di affissioni fa parte di un capillare piano di comunicazione mirato a informare in maniera puntuale i cittadini sui lavori di M4, che prenderanno il via, ad eccezione di quelli previsti nelle aree all’interno della Cerchia dei Bastioni, a partire dal 19 gennaio. In particolare, dal 19 gennaio si apriranno progressivamente i cantieri nella zona est della città (da Viale Argonne a Piazza del Tricolore), mentre dal 1 febbraio progressivamente partiranno i cantieri nella zona ovest (da Parco Solari a San Cristoforo).

Dal 15 gennaio fino all’inizio del mese successivo, contestualmente all’apertura di ciascun cantiere, verranno distribuiti materiali illustrativi nei condomini, nei negozi e nei punti di incontro delle zone interessate dai lavori, il cui impatto nei primi mesi sarà molto limitato: le aree saranno recintate con semplici griglie si procederà inizialmente con le verifiche su eventuali presenze di ordigni bellici e con l’eventuale spostamento dei sottoservizi (acqua, luce, fognatura). Solo in un secondo momento verranno poste le cesate definitive.

Dal 12 gennaio, inoltre, sarà consultabile il sito di M4, www.metro4milano.it, dove saranno disponibili, cantiere per cantiere, i layout, i rendering dei progetti e lo stato di avanzamento dei lavori. Il sito sarà aggiornato e integrato quotidianamente e in modo progressivo.

Dal 18 gennaio saranno operativi anche gli account sui social network (Facebook e Twitter) e una mail dedicata – info@metro4milano.it – alla quale i cittadini potranno inoltrare richieste e osservazioni.

Etichette: