Pubblicato in: News

Milano Design Week 2015: oltre 1000 eventi in programma

Marco Valerio 4 anni fa

milan-design-week-2015Oltre 1000 eventi di cui 35 patrocinati dal Comune di Milano, 1504 espositori tra Salone del Mobile e Fuorisalone, 12 info point, 100 ragazzi volontari delle scuole di design per assistere i visitatori e 8 distretti della città coinvolti, due APP (Milano Creativa e Fuorisalone.it) e un’unica regia della manifestazione.

Questi i numeri con cui si apre la Milano Design Week 2015. Per potersi destreggiare nel vastissimo palinsesto della settimana del design è nata The map, la cartina che verrà distribuita gratuitamente in oltre 250mila copie, dove trovare condensate tutte le informazioni per vivere al meglio la Milano Design Week 2015, dai mezzi di trasporto alle curiosità, dai main events ai distretti del design.

Sono infatti otto i quartieri coinvolti: Brera, 5 Vie, Porta Venezia, Tortona, Lambrate oltre alle new entry Sarpi Bridge, Sant’Ambrogio e San Gregorio.

Brera Design District propone un calendario di eventi culturali a tema. Il programma completo è consultabile quiSarpi Bridge è pensato per creare un ponte tra Oriente e Occidente, tra Salone e Fuorisalone per generare opportunità culturali ed economiche attraverso il design e la creatività. 5VIE sarà il cuore della cultura milanese con un programma incentrato sulla realtà creativa di design.

Tortona Design Week, il quartiere che per primo ha riunito i più importanti marchi e giovani designer in oltre 60 ex sedi industriali tra Via Savona, Via Tortona e via Forcella. Porta Venezia in Design punta a unire design e arte, cibo e vino. San Babila Design invece nasce per unire i migliori showroom di design, negozi di moda, ristoranti e esposizioni che saranno un vero crocevia del design.

Zona Santambrogio propone una collettiva di designer internazionali collettivi e un Food Truck Festival con cibo di strada italiano. San Gregorio Docet, il Distretto ristretto immaginato e creato da Claudio Loria, torna a Milano e coinvolge un gruppo selezionato di creativi del design internazionale. Infine Ventura-Lambrate, un quartiere dedicato al design pionieristico e ai talenti emergenti.

A orientare tutti i visitatori oltre 100 studenti delle scuole di design di Milano (IED, Domus Academy, NABA – Nuova Accademia di Belle Arti Milano e il Politecnico di Milano/Scuola del Design) che con la loro riconoscibile felpa rossa forniranno al pubblico indicazioni sulla mobilità in città, sulla fiera stessa e anche sulle iniziative comprese nel Palinsesto di eventi a Milano.

Il Salone del Mobile ha predisposto alcune postazioni in collaborazione con Fiera Milano, SEA e ATM, dislocate nei punti nevralgici della città (Malpensa T1, Linate, Stazione Centrale, MMCadorna, MMGaribaldi, MMDuomo, MMSan Babila, MMRho Fiera e Brera – Largo La Foppa) dove i giovani potranno raccogliere informazioni utili a elaborare progetti di accoglienza urbana in occasione di grandi eventi.

Tra gli appuntamenti in agenda la mostra Leonardo 1452-1519. Il disegno del mondo, la più grande esposizione dedicata a Leonardo da Vinci mai realizzata in Italia, che apre al pubblico il 16 aprile a Palazzo Reale. Sempre a Palazzo Reale dal 13 aprile al 24 maggio sarà visibile Design for Life, mostra che mette in scena 25 anni di storia dell’abitare raccontate con immagini d’autore.

Spazio anche all’illuminazione, in occasione dell’Anno Internazionale della Luce proclamato dall’UNESCO, in piazza San Fedele con l’esperienza inedita e coinvolgente di Favilla. Ogni luce una voce. Sette minuti di installazione-evento dove gli spettatori vengono condotti in un percorso all’interno di una grande scatola nera dove la manifestazione della luce è associata ogni volta a un particolare suono. Il racconto-ricerca sull’essenza della luce è un progetto dell’architetto Attilio Stocchi.

Da non perdere Energy for Creativity, la mostra-evento di Interni, che intende declinare e sviluppare il tema di Expo Milano 2015, Energia per la Vita, in chiave progettuale, urbanistica e architettonica. Progettisti di fama internazionale, di istituzioni e di aziende di riferimento nel campo dell’innovazione e della ricerca insieme per sviluppare nuove proposte per il futuro. Si svolgerà tra Università degli Studi di Milano, Orto Botanico di Brera e via Montenapoleone. In particolare The Garden of Wonders. A Journey Through Scents è la mostra allestita all’Orto Botanico di Brera. Un progetto che esplora le possibili sinergie tra il design d’autore e le imprese artigianali che operano nell’ambito del profumo. Le installazioni che compongono la mostra mettono in luce le connessioni tra la creatività e la piccola imprenditoria, evidenziando il contributo del design nel raccontare il prodotto, dal flacone al packaging, dalla grafica alla comunicazione.

Oltre alla versione cartacea di The map, tutte le informazioni, appuntamenti, eventi del Salone e del Fuorisalone, sono affidate al canale di riferimento www.fuorisalone.it con le relative App per smartphone e tablet. L’App del Comune Milano creativa, oltre a fornire il calendario, consentirà, in maniera facile e intuitiva, di visualizzare per data o per zona tutti gli appuntamenti culturali, gli eventi e le presentazioni legate al mondo del design.

Per rendere ancora più efficienti i servizi di accoglienza per il pubblico della Milano Design Week 2015 il Comune ha allestito anche 3 suoi info point in vetro presenti in Tortona angolo Porta Genova; tra i due dazi di piazza XXV Aprile e in piazza Bottini all’esterno della Stazione di Lambrate.

A questi si aggiungono altri 9 info point sparsi sul territorio cittadino realizzati dai diversi operatori. Bdd Info point in largo La Foppa, largo Treves e il media point in c.so Garibaldi 118; Tortona design week Info point in largo delle Culture; il Design Center ex Ansaldo in via Tortona 54; il Press point Superstudio Più di via Tortona 27; lo Spazio ex-Cobianchi di piazza Duomo; Porta Venezia in design press point al Casello ovest di corso Venezia 63 e Ventura Lambrate info point di via Ventura 5 oltre all’Info point di cinquevie in via Zecca Vecchia 3.

Etichette: