Pubblicato in: Libri

In metrò e non solo: la Milano da leggere è tutta a fumetti

milano da leggere

Viaggiate spesso in metrò e sui mezzi pubblici? Allora smartphone alla mano, ma anche occhi attenti! Potrete scoprire una Milano da leggere tutta a fumetti. Come? Con la nuova edizione dell’iniziativa lanciata dal Comune di Milano, in collaborazione con Atm, e ideata dalle Biblioteche di Milano per disseminare occasioni di lettura, da cogliere in modo semplice e gratuito. Fino al 30 giugno compariranno in giro per la città, nei mezzanini e nelle carrozze della metropolitana, i manifesti che invitano a scaricare tramite un QRcode i libri presenti nello scaffale virtuale.

La novità di questa edizione è il linguaggio: per rappresentare Milano si sono scelte le immagini e le parole di 12 tra fumetti e graphic novel, omaggiando un genere sempre più diffuso per raccontare mondi, reali e immaginari. Milano può essere considerata “città del fumetto” per le numerose case editrici specializzate che vi hanno sede, per la presenza di un museo dedicato (WOW Spazio Fumetto) e per la storica scuola del Castello Sforzesco. “Milano da Leggere” si inserisce in questo quadro con un rapporto ancora più diretto con la città, non solo perché i titoli che propone hanno sempre un legame forte con Milano, ma anche perché permette ai cittadini di leggere gratuitamente i libri scaricati.

Grandi personaggi dei fumetti sono infatti creazioni di indimenticabili artisti milanesi: Guido Crepax con la sua Valentina, protagonista di surreali incontri nel metrò, un omaggio dell’autore ai grandi maestri del fumetto; le sorelle Angela e Luciana Giussani, creatrici di Diabolik, presentato in edizione speciale con una recente storia inedita a firma di Mario Gomboli e un’avventura ambientata proprio a Milano; Grazia Nidasio, autrice della saga di Valentina Mela Verde, adolescente milanese degli anni ’70; Guido Nolitta, alias Sergio Bonelli, ideatore di Mister No, di cui si ripropone il primissimo numero del 1975.

E sono di Milano Giancarlo Ascari, alias Elfo, che ci fa assaporare l’atmosfera che si respirava a Milano nel ’68; Davide Barzi che firma insieme al giornalista Paolo Maggioni il biopic a fumetti su Giacinto Facchetti ed è inoltre sceneggiatore delle storie a fumetti di Don Camillo tratte dai racconti originali di Guareschi, composte per l’occasione in un’antologia di ambientazione milanese; Sergio Gerasi con una storia che dichiara anche il legame sentimentale del protagonista con artisti, poeti e scrittori della Milano del Novecento; Ciaj Rocchi & Matteo Demonte che raccontano le origini dell’immigrazione cinese a Milano negli anni ’30 e, novità, ne offrono la versione anche in lingua cinese.

Non solo gli autori, anche molte delle storie sono a sfondo milanese e a quelle già citate si aggiungono le graphic novel di Paolo Bacilieri, con un episodio di Zeno Porno a cui Milano fa da scenario architettonico, e di Gianluca Buttolo, che racconta la vicenda dell’avvocato Giorgio Ambrosoli. E se nulla di meneghino si può rintracciare nel Commissario Ricciardi, le cui vicende Maurizio de Giovanni ambienta a Napoli, sua città natale, la piena appartenenza alla raccolta è data dall’editore Sergio Bonelli, che pubblica a Milano fin dal 1940.

In questa edizione i libri da scaricare non sono in formato ebook, come nelle precedenti, ma pdf, perché questo è il formato digitale più adatto a rispettare il valore grafico delle opere. Alcune di queste, in accordo con gli autori, sono proposte in edizione parziale, un accorgimento adottato per mantenere i file entro dimensioni contenute per il download. In biblioteca si potrà poi completare la lettura delle opere integrali e apprezzare la qualità degli originali a stampa.

E anche se non passerete dalle metropolitane nessun problema: potrete trovare e scaricare i volumi anche da aquesta pagina dedicata.

Milano da Leggere 2019” è realizzata in collaborazione con gli editori Astorina, Bao Publishing, Becco Giallo, CoconinoPress-Fandango, ComicOut, ReNoir Comics e Sergio BonelliEditore; gli autori, gli illustratori, Agenzia Caminito, ArchivioCrepax e gli eredi Grazia Nidasio.

 

 

Etichette: