Pubblicato in: Festival Interviste

Più workshop e tanti relatori internazionali: Eleonora Rocca racconta come sarà il Mashable Social Media Day

Cristina MaccarroneCristina Maccarrone 4 settimane fa
mashable social media day milano 2018
Eleonora Rocca, founder del Mashable Social Media Day + Innovation Days

Partecipa al Mashable Social Media Day + Innovation Days
con lo sconto di Milano Weekend

Al Mashable Social Media Day + Innovation Days manca pochissimo: la 3 giorni dedicata all’innovazione si terrà dal 18 al 20 ottobre allo Iulm di Milano.

Perché è un evento così importante sia in termini di formazione, ma anche per fare network? E cosa riserva questa edizione che per la prima volta si tiene all’interno di un’università? Ne parliamo con Eleonora Rocca, founder, oltre che anima dell’evento, che vive e lavora a Londra come Marketing Manager e consulente di Digital Marketing,

Il Mashable è arrivato in Italia nel 2014, sono passati ben 4 anni. Come mai tu che vivi in Inghilterra da anni hai deciso di portare l’evento a Milano?

“È arrivata una richiesta di Mashable e quasi per caso, con un primo team di persone, abbiamo deciso di provare ad organizzarlo, ma non avrei mai pensato che sarebbe diventato qualcosa di così grande. Inoltre, ai tempi non esistevano ancora gli attuali Digital Innovation Days (creati nel 2017) e l’evento non aveva come focus l’innovazione a 360 gradi ma soltanto il social media marketing. Si trattava inoltre di un evento gratuito di un solo giorno, ma è diventato a pagamento e ‘una vera azienda’ soltanto nel 2016, quando, mentre ero in vacanza a Miami, ho deciso di provare a trasformare quel progetto in una vera e propria impresa.

Se è vero che quella di farlo a Milano è stata una richiesta di Mashable – non era mai stato realizzato prima – uno dei motivi che mi ha spinto a portarlo qui è stato fare qualcosa di bello, unico e internazionale per il nostro Paese. Io sono un’italiana trasferita in UK 5 anni fa, e vedendo le tante differenze da fuori, mi sono detta: ‘Perché non dare un contributo positivo al mio Paese, fare in modo che la mia passione per il digital, la mia esperienza internazionale e la mia voglia di fare qualcosa di mio, non trovino spazio proprio in Italia?’.

E cosa significa quest’anno essere ospitati allo Iulm?

“Significa avere una culla all’interno della quale gli obiettivi di SMDAYIT + DIDAYS e quelli di IULM sono perfettamente in linea. Polo di eccellenza nei settori della Comunicazione e dei Nuovi Media, l’Ateneo milanese è da sempre attento a cogliere le sfide del futuro interpretandole e affrontandole con l’autorevolezza e l’innovazione che lo contraddistinguono. Ecco perché anche la scelta proprio dell’edificio 6: il più recente del Campus universitario, il cui obiettivo è proprio quello di favorire sempre più occasioni di condivisione, di cultura e di incontro, aperte non solo agli studenti ma anche alla città e alla comunità locale”.

Qual è il bilancio di questi 4 anni di organizzazione? Cosa è successo che non ti saresti mai aspettata?

“Il bilancio è assolutamente positivo. È una bellissima esperienza sia personale che professionale. Non sono mancati e non mancano tuttora momenti difficili, talvolta alternati a vera e propria sofferenza, ma fa parte del gioco. Fare gli imprenditori è difficile, richiede tanto sacrificio, tanta responsabilità, tanta forza di volontà, specie in un Paese come l’Italia, che non ti perdona il successo. Tuttavia, vedere qualcosa che hai disegnato su un pezzo di carta diventare realtà è qualcosa che riesce ad arricchirti perché ti fa capire fino a che punto la tua passione e il tuo talento possono arrivare e anche fino a che punto la tua stessa creativià e voglia di fare possono farti raggiungere risultati straordinari.

Sono successe tante cose che non mi sarei aspettata sia in positivo che in negativo. La cosa più bella è stata avere 1170 partecipanti nel 2017 con chiusura delle vendite un mese prima dell’evento e infine essere l’evento più twittato dell’anno con oltre 22000 tweets in tre giorni. E chi lo avrebbe mai detto? Questo è stato totalmente al di sopra delle mie aspettative.

Non ho ricevuto investimenti per questa azienda e non ho mai avuto budget grandi da spendere per fare customer acquisition quindi ho solo potuto sfruttare la forza dei reach organica e non è stato facile, specie dopo i cambiamenti di algoritmo di Facebook degli ultimi anni, ma alla fine, ce l’abbiamo fatta lo stesso, a volte, mi sembra un miracolo”.

mashable social media day milano 2018

Organizzare un evento del genere cosa comporta in termini di tempo, staff ecc…? Ci racconti un po’ di dietro le quinte?

“Comporta che sono anni che lavoro la sera fino a tardi e quasi tutti i weekend, ho dovuto allargare il team da 4 a 15 persone per poter gestire tutto, di fatto ci vogliono 12 mesi di lavoro pieno per costruire l’evento.  anche necessario avere una buona dose di pazienza e carica positiva perche’ gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo.

È anche necessario usare la creatività per dar vita ad un’esperienza sempre nuova, affinché chi viene ogni anno non si annoi mai e riesca a vivere un’emozione sempre diversa e unica soprattutto”.

Perché chi vive a Milano e ha un sacco di eventi da scegliere, dovrebbe scegliere proprio questo? Cosa si porterà a casa?

“Perché è un evento completo a livello di contenuti, con un programma ricchissimo che permette di vedere in soli tre giorni le eccellezze del panorama digitale italiano e internazionale.

Chiediamo a tutti i relatori di essere il più possibile concreti ed ispirazionali allo stesso tempo, il che vuol dire che le case history devono essere raccontate andando nel dettaglio di numeri, risultati e strategie proprio per permettere a chi partecipa di portarsi a casa spunti da poter applicare nel proprio lavoro di tutti i giorni. Abbiamo scelto inoltre diversi relatori internazionali, oppure italiani ma che hanno sviluppato le loro carriere all’estero , al fine di permettere una contaminazione di alto livello.

Quest’anno i temi centrali restano digital marketing, socia media e innovazione ma con un focus particolare su: Influencer & Micro Influencer Marketing, Potenzialità della Blockchain e applicazione in ambito Cryptovalute, rapporto tra TV & Social Media Marketing, Smart Working & Sharing Economy, Strategie di Facebook Advertising, rapporto tra Pubblicità tradizionale e nuovi media, nuove frontiere della comunicazione sia in ambito Ecommerce che nel settore Retail, utilizzo strategico dei dati e molto altro ancora.

Ci saranno persino 3 sale in contemporanea…

“Sì, quest’anno abbiamo allargato l’offerta formativa invece delle tradizionali due, ampliato il numero di workshop e creato numerosi altri ‘piccoli eventi nell’evento’ come una colazione a tema Public Speaking e un Meet and Greet con Influencer di grande valore.
Inoltre, oltre ai tradizionali speech frontali ci saranno interviste sul palco one to one a personalitàdi rilievo come Filippa Lagerback e la Youtuber Tess Masazza, e panel di discussione sui temi blockchain ed influencer marketing.

Nei workshop verranno forniti spunti pratici e verranno insegnate metodologie innovative rispetto a una serie di temi del mondo del Digital Marketing e dell’Imprenditoria: dal Personal Branding alla User Experience in ambito Food, quest’ultimo tenuto proprio da Foodora; dallo Storytelling al Brand Journalism fino alle strategie per utilizzare al meglio Twitter. Quest’ultimo workshop di concluderà anche con Twitter Aperitivo per legare il momento formazione a quello del networking”.

Last but not least: l’evento vuol dire anche networking…

“Da questo punto di vista, è un’esperienza importante per chi lavora o vuole lavorare in questo settore perché si ha la possibilità di incontrare tutti i principali player personalita’, aziende e agenzie piu’ importanti d’Italia, in soli tre giorni”.

Mashable Social Media Day + Innovation Days
dal 18 al 20 ottobre 2018
Iulm – edificio 6
MM2 Romolo
Programma della manifestazione
Per tutte le altre informaziooni: mashablesocialmediaday.it

Etichette: