Pubblicato in: Cinema

La Divina Greta Garbo è Ninotchka, al cinema in versione restaurata

NinotchkaA Milano tornano i classici grazie a Il cinema ritrovato, la rassegna promossa dalla Cineteca di Bologna: Ninotchka, il film del 1939 di Ernst Lubitsch con Greta Garbo e Melvyn Douglas verrà infatti proiettato in versione restaurata negli SpazioCinema in tre date: lunedì 13 gennaio ore 13.00, 15.20, 17.30, 19.40, 21.50 all’Apollo e alle ore 21.15 al Capitol; martedì 21 gennaio all’Anteo alle ore 15.30, 17.50, 20.15, 22.30; il 26 gennaio all’Anteo alle ore 11.00.

Il governo sovietico invia a Parigi tre agenti, Iranoff, Bulianoff e Kopalski, per rivendere i gioielli confiscati alla granduchessa Swana, nobildonna esule a Parigi dopo la Rivoluzione russa. La donna incarica però il proprio amante, il conte Leon, di impedirne la vendita e permetterle di riappropriarsene; Leon avvicina i tre uomini e li avvia ai piaceri della vita parigina. La notizia del loro comportamento scandaloso arriva alle orecchie del governo russo, che invia presso di loro il proprio migliore ispettore: l’integerrima Nina Yakusciova.

Nel film, sceneggiato da Billy Wilder e Charles Brackett, Lubitsch allestisce il suo mondo di grandi alberghi, porte girevoli e nobiltà squattrinata: Parigi, con il suo dolce delirio d’amore e champagne, scioglie anche l’inflessibile Ninotchka. La Garbo ride, ed è una risata di resa a una vita nuova, una risata d’addio all’edificazione socialista: formidabile per potere pubblicitario, perfetta per messinscena comica, ma carica di presagi (lei non riuscì a produrne il suono, fornito al montaggio dalla voce di un’altra), quella risata fu il principio della fine anche per la carriera della diva.

Resta il fatto che questo si è rivelato nel tempo il suo film più resistente e popolare, e di Greta Garbo rimane oggi più Ninotchka di quanto rimangano Anna Karenina, Margherita Gauthier o la regina Cristina. E resterà per sempre, nell’olimpo delle battute memorabili, quel suo languido, alcolico chiedere tempo al fuoco dell’ideologia: “Compagni! La rivoluzione è in marcia, le bombe cadranno, la civiltà crollerà a pezzi. Ma per favore, non adesso…”.

 Per informazioni:

tel. 02-43912769 – www.spaziocinema.info