Pubblicato in: Cinema

Dove vedere film e serie TV vincitori dei Golden Globe 2021

Beatrice CurtiBeatrice Curti 4 giorni fa
nomadland-golden-globe-2021
Una scena di Nomadland, vincitore del Leone d'Oro a Venezia e del Golden Globe al miglior film

Pochi giorni fa si sono svolti i Golden Globe 2021, con il trionfo incontrastato delle piattaforme streaming. Netflix e Prime Video hanno portato a casa decine di premi con i loro contenuti originali, siano essi serie TV o film. Dalla Regina degli Scacchi a Borat – Seguito di film cinema, entrambe le piattaforme hanno sbancato, affiancate da altre ancora poco diffuse nel nostro paese, come Apple TV e HBO Max, o del tutto assenti.

Passiamo troppo spesso le serate a scrollare la lista dei film in streaming senza sapere cosa scegliere, travolti da contenuti sempre nuovi e in continuo aggiornamento. Perché allora non approfittare della nostra guida ai vincitori 2021 dei Golden Globe per districarsi in mezzo alla selva cinematorafica?

Nomadland

Già vincitore del Leone d’Oro a Venezia, Nomadland trionfa anche ai Golden Globe, diventando la pellicola più attesa del 2021.

Il film è incentrato su Fern (Frances McDormand) che, dopo il collasso economico di una città aziendale nel Nevada rurale, carica i bagagli sul proprio furgone e si mette in strada alla ricerca di una vita fuori dalla società convenzionale, come una nomade moderna.

A causa delle restrizioni causate dal Covid, non è ancora certa l’uscita del film in sala, con una data ancora da destinarsi per il pubblico italiano, nonostante l’annuncio delle riaperture di teatri e cinema in zona gialla dal 27 marzo. Searchlight Picture ha però un piano di riserva: nel caso il film non potesse uscire in sala nel prossimo mese è previsto il rilascio su Star, il nuovo canale di Disney+ a partire dal 30 aprile.

Disponibile su: Disney+ dal 30 aprile 2021

Vincitore:

  • Miglior film drammatico
  • Miglior regista (Chloé Zhao)

Borat – Seguito di film cinema

Di Sacha Baron Cohen, 2020

Il famosissimo giornalista kazako Borat torna in missione in USA, questa volta per omaggiare il presidente Trump con un dono piuttosto particolare. Mentre guardate il film ricordate che gli unici attori presenti sono lo stesso Sacha Baron Cohen e la comica Maria Bakalova; nessun altro sta recitando, anche se si fatica a crederlo.

Disponibile su: Prime Video

Vincitore: 

  • Miglior commedia o musical
  • Miglior attore in una commedia o musical (Sacha Baron Cohen)

Il processo ai Chicago 7

Di Aaron Sorkin, 2020

Una storia vera, magistralmente portata in scena da un cast fenomenale. Nell’America della Controcultura sette uomini appartenenti a organizzazioni pacifiche vengono processati a causa di disordini avvenuti a Chicago il giorno della convention del partito Democratico, in un caso giudiziario pieno di ombre.

Disponibile su: Netflix

Vincitore: 

  • Migliore sceneggiatura (Aaron Sorkin)

Ma Rainey’s Black Bottom

Ispirato all’omonima opera teatrale di August Wilson, il film costringe lo spettatore a guardarsi dentro attraverso le vicende di un gruppo di musicisti, riuniti in un piccolo e afoso studio di registrazione per accompagnare la cantante Ma Rainey, stella del blues degli anni Venti. All’interno del cast, insieme a Viola Davis nel ruolo della dispotica e agguerrita blues woman, colpisce la grinta e la forza di Chadwick Boseman, nel suo ultimo ruolo prima della scomparsa a soli 43 anni.

Leggi la nostra recensione del film

Disponibile su: Netflix

Vincitore:

  • Miglior attore drammatico (Chadwick Boseman)

La vita davanti a sé

Sophia Loren è un’anziana prostituta in pensione, che accoglie in casa sua bambini che non possono essere tenuti dai genitori, o che sono stati abbandonati. L’ultimo arrivato è Momò, un bambino senegalese scontroso e diffidente, ferito da una vita già dolorosa. La donna si farà strada con schiettezza e coraggio attraverso i fantasmi del bambino, per mostrargli come al mondo esista ancora qualcuno di cui fidarsi.

La vittoria di Laura Pausini con il brano “Io sì” ha fatto storia: si tratta della prima canzone completamente in italiano a vincere l’ambita statuetta, aprendo la strada verso gli Oscar.

Disponibile su: Netflix

Vincitore:

  • Miglior canzone. (“Io Si (Seen)” per La vita davanti a sé – Diane Warren, Laura Pausini, Niccolò Agliardi)

Soul

La vita di Joe, insegnante di musica alle medie, viene bruscamente interrotta “sul più bello”: poco prima di esibirsi al pianoforte con una star del jazz come Dorothea Williams sul palco del prestigioso Half Note. La sua lotta per scappare dall’aldilà e tornare a vivere la sua vita si scontra con quella di Ventidue, un’anima mai nata che non ha alcuna intenzione di occupare un posto nel mondo. Tra i film più adulti della Pixar, Soul è un trionfo di sperimentazione, con soluzioni mai viste prima sul grande schermo.

Disponibile su: Disney+

Vincitore:

  • Miglior cartoon
  • Miglior colonna sonora cinematografica (Trent Reznor, Atticus Ross, Jon Batiste)

I care a lot

Un thriller che vi farà odiare la protagonista, una crudele Rosamunde Pike nei panni di una donna che approfitta di un buco legislativo per truffare ricchi anziani dichiarandosi loro tutrice legale. Tra le sue grinfie e quelle della compagna e complice Fran (Eiza González) cade però la vecchietta sbagliata: la madre di uno spietato boss della mafia russa.
Incredibile ma vero il film è stato candidato (e ha vinto) come commedia!

Disponibile su: Prime Video

Vincitore:

  • Miglior attrice di commedia o musical (Rosamunde Pike)

The Crown

L’ambiziosa serie TV sulla vita della Regina Elisabetta tiene incollati gli spettatori ormai da 4 stagioni, mostrando con minuzia e fedeltà tutti i retroscena della famiglia reale più amata del mondo. L’ultima stagione tocca il periodo più discusso della Royal Family: gli anni Ottanta, con il matrimonio di Carlo (Josh O’Connor) e Diana (Emma Corrin) e i due mandati da Primo Ministro di Margaret Tatcher (Gillian Anderson).

Disponibile su: Netflix

Vincitore:

  • Miglior serie drammatica
  • Miglior attore in una serie tv drammatica (Josh O’Connor)
  • Miglior attrice in una serie drammatica (Emma Corrin)
  • Miglior attrice non protagonista in una serie o film tv (Gillian Anderson)

La Regina degli Scacchi

La serie evento del 2020 è stata sicuramente La Regina degli Scacchi, in originale The Queen’s Gambit, dalla mossa scacchistica di apertura chiamata Gambetto di donna. Anya Taylor-Joy ruba letteralmente la scena nei panni di Beth, un’implacabile campionessa di scacchi dai grandi occhi indagatori. Una serie che tiene incollati allo schermo senza distinzione scacchisti provetti e assoluti ignoranti in materia.

Disponibile su: Netflix

Vincitore: 

  • Miglior miniserie o film tv
  • Miglior attrice in una miniserie o film tv (Anya Taylor-Joy)

Un volto, due destini

Thomas e Dominick sono gemelli, ma hanno caratteri molto diversi. Il primo ha avuto una vita difficile a causa di un carattere instabile e potenzialmente violento, mentre il secondo vive una vita tranquilla e appagata. Dopo la morte della madre, Dominick diventerà tutore del fratello Thomas, entrato e uscito da ospedali psichiatrici per gran parte della sua vita. I due fratelli fanno un percorso a ritroso nella loro infanzia per capire cosa sia successo nel loro passato e come la famiglia abbia condizionato le loro vite.

Disponible su: Sky

Vincitore:

  • Miglior attore in una miniserie o film tv
Etichette: