Pubblicato in: Cinema

Film in uscita nel weekend: le novità da giovedì 16 aprile 2015

Marco Valerio 4 anni fa

Shots from "Mia Madre"Sette i film in uscita nel weekend che prende avvio da giovedì 16 aprile. Per una volta, a fare la voce grossa è il cinema europeo con due film attesissimi provenienti rispettivamente dall’Italia e dalla Francia, mentre lo spazio per le produzioni americane è riservato a dir poco controverso su una delle figure più controverse del nostro tempo.

Film in uscita nel weekend

Il film più atteso della settimana è, senza dubbio, Mia madre, nuovo film di Nanni Moretti a quattro anni da Habemus Papam. Mia madre è interpretato da Margherita Buy, John Turturro, Giulia Lazzarini e lo stesso Moretti. Margherita è una regista. Sta girando un film sul mondo del lavoro, di cui ha chiamato come protagonista un eccentrico e bizzoso attore americano. Ma Margherita ha anche una madre ricoverata in ospedale, che assiste assieme al fratello Giovanni. La madre di Margherita e Giovanni, dicono i medici, non ha molto tempo. Tra le riprese di un film che si rivelano più complicate del previsto, una figlia tredicenne con problemi col latino (quello stesso latino che insegnava la madre), e il dolore per un lutto che si sa imminente e non si sa come gestire, Margherita confonde realtà, sogno, ricordo e deve trovare la sua strada in tutta quella sofferenza.

Dalla Francia arriva, invece, Les combattants, film rivelazione della stagione cinematografica transalpina, rititolato da noi The Fighters – Addestramento di vita. La pellicola è diretta da Thomas Cailley e interpretata da Adèle Haenel e Kévin Azaïs. L’estate del giovane Arnaud si preannuncia tranquilla fino al momento in cui incontra Madeleine, bella, fragile e appassionata di allenamenti estremi e profezie catastrofiche. Arnaud non si aspetta nulla mentre Madeleine si prepara alla fine del mondo… Tra i due, nasce una storia d’amore e di sopravvivenza (o entrambe), fuori da ogni canone prestabilito.

Ha vinto il premio Oscar 2015 come miglior documentario e si prepara ora a debuttare in sala Citizenfour di Laura Poitras. Il film è una ricostruzione della vicenda di Edward Snowden e dello scandalo sulle sorveglianze illegali della NSA americana raccontato dallo stesso protagonista, che ha contattato l’autrice del documentario offrendogli di diffondere ulteriormente la sua storia.

Tra i film in uscita nel weekend suscita interesse l’action sottomarino Black Sea firmato dal britannico Kevin MacDonald con Jude Law. Il capitano di sommergibili Robinson, con un divorzio alle spalle e un figlio adolescente con cui non ha quasi alcun rapporto, viene licenziato dalla sua soietà di recupero relitti. Robinson decide di riscattarsi con un’impresa straordinaria: recuperare l’immenso carico d’oro contenuto in un sommergibile tedesco che giace sul fondo del Mar Nero dal 1941. A bordo di un sottomarino di fortuna e a capo di un equipaggio poco addestrato, il capitano parte per un’avventura che si rivelerà ancora più pericolosa del previsto.

Altra pellicola europea che figura tra le novità in sala è la commedia francese Le vacanze del piccolo Nicolas di Laurent Tirard. L’anno scolastico è giunto al termine. Il tanto atteso momento delle vacanze è arrivato. Il piccolo Nicolas, i suoi genitori e la nonna partono tutti insieme in automobile diretti al mare. Alloggeranno per qualche giorno all’Hôtel Beau-Rivage. Ben presto, sulla spiaggia Nicolas stringe nuove amicizie: conosce Blaise, che non è in vacanza perché vive lì, Fructueux, a cui piace mangiare di tutto, persino il pesce, Djodjo, che non parla come loro perché è inglese, Crépin, che scoppia a piangere di continuo, e Côme, che vuole avere sempre ragione ed è molto indisponente. Ma Nicolas incontra anche Isabelle, una bambina che non smette di fissarlo con i suoi grandi occhi rotondi e inquietanti e con la quale Nicolas teme che i suoi genitori vogliano costringerlo a sposarsi… I malintesi si susseguono e gli scherzi fioccano.

Dalla Serbia, invece, arriva il dramma Figlio di nessuno di Vuk Ršumović. Nella primavera del 1988, fra le montagne della Bosnia, viene ritrovato un bambino cresciuto fra i lupi. Gli viene dato il nome di Haris e viene inviato in Serbia, all’orfanotrofio di Belgrado, dove è affidato alle cure di Ilke. Qui diventa amico inseparabile del piccolo Zika e, col tempo, impara a pronunciare le sue prime parole…

Concludiamo la nostra panoramica con il documentario italiano Wenn aus dem Himmel… Quando dal cielo di Fabrizio Ferraro, opera che racconta il rendez-vous artistico del jazzista di Berchidda, Paolo Fresu, e del bandoneonista Daniele di Bonaventura con Manfred Eicher, il creatore della prestigiosa etichetta discografica ECM, per la realizzazione dell’album In Maggiore.