Pubblicato in: Cinema

Film in uscita nel weekend: le novità da giovedì 29 settembre

Marco Valerio 2 anni fa

cafe-society-allen

Sono nove le nuove pellicole che si preparano a debuttare al cinema in questo fine settimana che prende il via giovedì 29 settembre.

Un menù ricco ed eterogeneo, destinato a soddisfare i più disparati gusti cinematografici degli spettatori che potranno spaziare tra diversi generi e esigenze cinefile.

Di seguito la nostra guida ai film in uscita nel weekend:

Film in uscita nel weekend

Iniziamo la nostra panoramica sui film in uscita nel weekend con Cafè Society, nuova pellicola di Woody Allen con Jesse Eisenberg e Kristen Stewart. Bobby Dorfman si trasferisce dal Bronx a Hollywood, dove si innamora, per poi tornare nuovamente a New York, in cui viene travolto nel mondo vibrante della vita dei locali notturni dell’alta società. Volendo di più dalla vita, Bobby lascia la gioielleria del padre e tenta la fortuna a Hollywood, con un lavoro per lo zio Phil, un potente agente delle star. Ben presto si innamora dell’affascinante segretaria di Phil, Vonnie…

Da segnalare in uscita anche un titolo italiano, ovvero Indivisibili di Edoardo De Angelis. Viola e Dasy sono due gemelle siamesi che cantano ai matrimoni e alle feste e, grazie alle loro esibizioni, danno da vivere a tutta la famiglia. Le cose vanno bene fino a quando non scoprono di potersi dividere. Il loro sogno è la normalità: un gelato, viaggiare, ballare, bere vino senza temere che l’altra si ubriachi fare l’amore. “Perché sono femmina”.

Tra i film in uscita nel weekend arriva The Assassin di Hou Hsiao-Hsien. Cina, IX secolo. Nie Yinniang torna dalla sua famiglia dopo anni di esilio. Educata da una suora che l’ha avviata alle arti marziali, è diventata una vera assassina la cui missione è quello di eliminare i tiranni. Il suo padrone gli dà come missione, l’uccisione di suo cugino Tian Jian, dissidente governatore militare della provincia di Weibo. Nie Yinniang dovrà scegliere: sacrificare l’uomo che ama o rompere per sempre con “l’Ordine degli Assassini”.

Pronta a debuttare in sala anche la commedia argentina Se permetti non parlarmi di bambini di Ariel Winograd. Gabriel è separato da quattro anni. La sua vita è tutta dedicata a sua figlia di 8 anni, preferisce infatti riservare tutte le sue energie alla piccola Sofia, tanto che si rifiuta persino di avere una relazione sentimentale. Questo rapporto viene scosso dall’arrivo di Vicky, che fu, un tempo, amore platonico di Gabriel e che ora è diventata una donna bellissima e indipendente. Sembra essere una storia d’amore perfetta, ma lei ha un’unica esigenza: non vuole assolutamente bambini nella sua vita. Così, quando Vicky chiede a Gabriel se ha figli, lui non ha il coraggio di dirle la verità. Da quel momento, la sua vita diventa parecchio complicata, piena di bugie e sotterfugi.

Arriva, poi, nei cinema milanesi e italiani Liberami di Federica Di Giacomo, film che ha vinto la sezione Orizzonti all’ultimo Festival di Venezia. Ogni anno sempre più persone chiamano “possessione” il loro malessere, in Italia, in Europa, nel mondo. La Chiesa risponde all’emergenza spirituale nominando un numero crescente di preti esorcisti ed organizzando corsi di formazione. Padre Cataldo è un veterano, tra gli esorcisti più ricercati in Sicilia e non solo, celebre per il carattere combattivo ed instancabile. Ogni martedì Gloria, Enrico, Anna e Giulia seguono, insieme a tantissimi altri, la messa di liberazione di padre Cataldo e cercano la cura ad un disagio che non trova risposte né etichette. Fino a dove ognuno di noi, credente o meno, è disposto ad arrivare purché qualcuno riconosca il nostro male?

Tra i film in uscita nel weekend da segnalare Ben-Hur di Timur Bekmambetov. Remake del kolossal del 1959 vincitore di ben 11 premi Oscar e basato sul romanzo del 1880 di Lew Wallace, il film racconta l’epica vicenda di Giuda Ben-Hur, un giovane dalle nobili origini che è ingiustamente accusato di tradimento dal proprio fratello adottivo Messala, ufficiale dell’esercito Romano. Privato del titolo, separato dalla famiglia e dalla donna che ama, Giuda è ridotto in schiavitù. Dopo anni passati per mare, Giuda fa ritorno alla propria terra d’origine per cercare vendetta, ma trovando invece la salvezza.

Altro titolo italiano che debutta in sala nel fine settimana è Le ultime cose di Irene Dionisio. Il film racconta tre semplici storie che si intrecciano al Banco dei pegni di Torino sulla sottile linea del debito morale alla ricerca del proprio riscatto. Sandra, giovane trans, è appena tornata in città nel tentativo di sfuggire al passato e ad un amore finito. Stefano, assunto da poco, si scontra con la dura realtà lavorativa e assiste ai miseri maneggi nel retroscena del Banco. Michele, pensionato, per ripagare un debito si ritrova invischiato nel traffico dei pegni. Un racconto corale sullo stare nel mondo al tempo della grande diseguaglianza.

Spazio poi alla commedia Al posto tuo di Max Croci con Ambra Angiolini e Luca Argentero. Luca Molteni è un uomo affascinante, single per scelta e ha un gran successo con le donne. Rocco Fontana è sposato con Claudia, ha tre figli, una casa in campagna ed è perennemente a dieta. Uno è un preciso geometra, l’altro un estroso architetto. Hanno in comune solo una cosa: il lavoro. Entrambi direttori creativi di due aziende di ceramiche e sanitari sull’orlo della fusione, si sfideranno per conquistare l’unico posto di Responsabile nella nuova società.

Chiudiamo la nostra rassegna sui film in uscita nel weekend con Abel – Il figlio del vento di Gerardo Olivares e Otmar Penker. L’aquilotto più forte è destinato a scacciare dal nido il fratello più debole: questo è solitamente ciò che accade quando due piccoli di aquila si trovano a condividere lo stesso nido. Spesso accade anche tra gli uomini che, a ferirli, siano proprio le persone più vicine. Lukas, infatti, soffre a causa della freddezza che il padre mostra nei suoi confronti successivamente alla dolorosa perdita della moglie, morta nel tentativo di salvare il piccolo Lukas da un incendio. Il bambino porta sulle sue giovani spalle il peso della morte della madre.