Pubblicato in: Cinema

Film in uscita nel weekend: le novità da giovedì 26 novembre 2015

Marco Valerio 2 anni fa

a-bigger-splashSono addirittura dodici i film in uscita nel weekend che conclude il mese di novembre. Un’offerta decisamente ricca e variegata che propone titoli di grande richiamo commerciale, come sarà consuetudini nelle settimane a venire in vista della stagione natalizia.

Non mancano comunque i prodotti d’autore e più sofisticati che si integrano alla perfezione con il vasto programma di prodotti destinati a risollevare le sorti del box office nazionale dopo un paio di settimane di flessione. Ecco a voi i film in uscita nelle sale milanesi a partire da giovedì 26 novembre.

Film in uscita nel weekend

Iniziamo la nostra rassegna sui film in uscita nel weekend con A bigger splash, primo film in lingua inglese firmato da Luca Guadagnino e interpretato da un cast stellare composto da Tilda Swinton, Ralph Fiennes, Matthias Schoenaerts e Dakota Johnson. La leggenda del rock Marianne Lane è in vacanza sull’isola di Pantelleria con il compagno Paul quando arriva inaspettatamente a interrompere la loro vacanza Harry, produttore discografico iconoclasta nonché suo ex, insieme alla figlia Penelope, provocando un’esplosione di nostalgia delirante dalla quale sarà impossibile mettersi al riparo.

Altro film molto atteso pronto a debuttare nel fine settimana è Il sapore del successo di John Wells con Bradley Cooper e Sienna Miller. Lo chef Adam Jones aveva tutto, e l’ha perduto. Rockstar dei fornelli da due stelle Michelin e dalle pessime abitudini, l’ex enfant terrible della ristorazione parigina era famoso per l’improvvisazione estrema alla continua ricerca del brivido nella creazione di esplosioni di gusto. Per aprire un suo ristorante e guadagnare l’inafferrabile terza stella Michelin avrà però bisogno del meglio del meglio dalla sua parte, compresa la bella Helen.

Arriva nelle sale anche il nuovo lungometraggio della Pixar ovvero Il Viaggio di Arlo di Peter Sohn. Che cosa sarebbe successo se l’asteroide che ha cambiato per sempre la vita sulla Terra non avesse colpito il nostro pianeta e i dinosauri non si fossero mai estinti? Il film trasporta il pubblico in un viaggio epico nell’era della preistoria, dove un coraggioso e curioso dinosauro di nome Arlo stringe un’insolita amicizia con un essere umano. Attraversando luoghi aspri e misteriosi, Arlo imparerà ad affrontare le sue paure e scoprirà ciò di cui è veramente capace.

Tra i film in uscita nel weekend suscita curiosità La felicità è un sistema complesso di Gianni Zanasi. Enrico Giusti (Valerio Mastandrea) avvicina per lavoro dirigenti totalmente incompetenti e irresponsabili che rischiano ogni volta di mandare in rovina le imprese che gestiscono. Lui li frequenta, gli diventa amico e infine li convince ad andarsene evitando così il fallimento delle aziende e la conseguente perdita di migliaia di posti di lavoro. Ma una mattina un’auto cade in un lago e tutto cambia: Filippo e Camilla, due fratelli di 18 e 13 anni, rimangono orfani di un’importante coppia di imprenditori. Enrico viene chiamato col compito di impedire che due adolescenti possano diventare i dirigenti di un gruppo industriale d’importanza nazionale. Dovrebbe essere il caso più facile, il coronamento di una carriera ma tutto si complica e l’arrivo inatteso della fidanzata straniera di suo fratello rende le cose ancora più difficili.

Grande attesa anche per l’horror The Visit di M. Night Shyamalan. Il film racconta una storia terrificante di un fratello e una sorella che vengono mandati a stare per una settimana nella fattoria dei loro nonni in Pennsylvania. Appena i ragazzi si accorgeranno che l’anziana coppia è coinvolta in qualcosa di veramente inquietante, vedranno diminuire ogni giorno le loro possibilità di tornare a casa.

Le feste sono ancora lontane, ma non per questo mancano in sala pellicole dal sapore natalizio. In uscita questa settimana c’è Natale all’improvviso di Jessie Nelson con un cast all star che comprende, tra gli altri, Olivia Wilde, Amanda Seyfried, Marisa Tomei, Diane Keaton, Anthony Mackie, John Goodman, Ed Helms e Alan Arkin. Sam e Charlotte stanno per separarsi ma hanno deciso di dirlo al resto della famiglia solo dopo Natale, per trascorrere felicemente tutti insieme un ultimo cenone. In realtà, sono tanti e diversi i segreti nascosti da ogni componente di questa strampalata famiglia!

Altra pellicola decisamente interessante è Dio esiste e vive a Bruxelles di Jaco van Dormael. Una commedia surreale in cui Dio è un vero e proprio personaggio che vive a Bruxelles. Sulla terra però, Dio è un vigliacco, con una morale meschina ed è davvero odioso con la sua famiglia. Sua figlia, Ea, si annoia a casa e non sopporta di essere rinchiusa in un piccolo appartamento nell’ordinaria Bruxelles, fino al giorno in cui decide di ribellarsi contro il padre, entrare nel suo computer e trapelare al mondo intero la data fatale della loro morte. Improvvisamente tutti cominciano a pensare a cosa fare con i giorni, i mesi, e gli anni che hanno ancora a disposizione…

Spazio anche al cinema italiano con Uno per tutti di Mimmo Calopresti con un Giorgio Panariello in inedita versione drammatica, affiancato da Fabrizio Ferracane e Isabella Ferrari. Un ragazzo di buona famiglia riduce in fin di vita un altro adolescente, che ora lotta tra la vita e la morte. Il cerchio che si era rotto molti anni prima si riapre drammaticamente. Un crimine che riunisce, dopo trent’anni di lontananza, tre amici chiamati a saldare i conti con il proprio passato, inchiodati alle proprie colpe dal padre del giovane indagato che presenta il conto ai suoi amici. Un noir esistenziale che descrive i lati più oscuri della vita umana e li illumina di speranza e di perdono.

Insolito appuntamento con l’animazione nostrana è poi quello rappresentato da Fantasticherie di un passeggiatore solitario di Paolo Gaudio. Tre personaggi di tre epoche diverse vengono uniti da un sogno di libertà e da un piccolo capolavoro di letteratura. Un viaggio misterioso e senza tempo attraverso le aspirazioni, le sofferenze e le “fantasticherie” di un poeta, di un giovane studente e di un bambino sperduto nel bosco.

Dagli Stati Uniti arriva, invece, il dramma Club Life di Fabrizio Conte. Johnny Dadon, un grintoso ragazzo di Brooklyn con dei grandi sogni nel cassetto, è stanco di vedere la bella vita passargli accanto mentre è alla guida della limousine del padre. Ma con quest’ultimo all’ospedale e i conti da pagare che si accumulano, è tutto quello che può fare per arrivare alla fine del mese. La vita di Johnny cambia drasticamente però quando una notte va a prendere Mark Cohen, il re della vita notturna di New York.

Altro film pronto al debutto al cinema è Babbo Natale non viene da Nord di Maurizio Casagrande. In un giardino incantato, fatto di tante luci colorate, un Babbo Natale attira l’attenzione di una bambina che passeggia con la mamma; per ridare il sorriso alla bimba, che piange per la vista di Babbo Natale, il “vecchio” la prende in braccio e le racconta una storia… Marcello, un prestidigitatore un po’ demodé, una specie di Peter Pan, ha una figlia, India, della quale non si è mai occupato. Proprio nei giorni della storia, India, ormai ventisettenne, è venuta a stare qualche giorno da lui per avere un’occasione in più per la sua carriera. La ragazza è una cantante di talento ma di scarso successo che spera di ricostruire un rapporto con il padre e che lui l’aiuti anche a trovare qualche buona occasione per esibirsi. Ma Marcello, come sempre preso da se stesso, parte per Salerno per consegnare i doni ai bambini in un fast food, vestito da Babbo Natale…

Chiudiamo la nostra rassegna sui film in uscita nel weekend con Lacrime di San Lorenzo di Giampiero Caira. Adriano e Gloria si ritrovano ad affrontare il dramma della malattia rara da cui è affetto il loro bambino. I medici non riescono a trovare una risposta, il “deficit di solfito ossidasi”, come tutte le malattie rare, è incurabile. Adriano inizierà a studiare la correlazione tra malattia e psiche, a studiare la cellula ed i conflitti emotivi che le persone hanno nel corso della vita, convincendosi che la malattia fa parte di un “programma biologico sensato”, un programma di sopravvivenza naturale. Si avvicina così alla “Nuova medicina” e alle sue cinque leggi biologiche, iniziando una disperata lotta contro il tempo, contro tutto e tutti.