Pubblicato in: News

In bici a Expo 2015: inaugurata la Via D’Acqua Nord

Marco Valerio 3 anni fa
via-d-acqua-nord-expo-1
Foto Expo 2015 / Daniele Mascolo

È stata inaugurata domenica 5 luglio la pista ciclabile che costeggia la Via d’Acqua Nord e, da Garbagnate Milanese, porta direttamente a Expo 2015.

Il percorso collega il Canale Villoresi all’Esposizione Universale: il canale irriguo è infatti affiancato da un percorso ciclabile di oltre 8 chilometri che attraversa il Parco delle Groane e porta dal Nord-ovest milanese al sito espositivo di Expo 2015.

Più di 700 ciclisti sono partiti dai Comuni di Arese, Bollate, Garbagnate, Lainate, Rho, Pero e si sono radunati a Cascina Radio, dove si è svolta l’apertura ufficiale dell’itinerario ciclabile con il taglio del nastro, per mano del Commissario Unico per Expo 2015 Giuseppe Sala, con il presidente del Consorzio Ticino Est Villoresi Alessandro Folli e il Presidente del Parco delle Groane Roberto Della Rovere. Quindi il gruppo, con in testa lo stesso sala, ha raggiunto il sito di Expo 2015 dando vita a un serpentone che ha raggiunto l’Expo Centre.

Presenti alla biciclettata, inoltre, anche i rappresentanti dei Comuni attraversati dal percorso ciclabile: la sindaca di Arese Michela Palestra, il sindaco di Bollate Francesco Vassallo, il sindaco di Garbagnate Piermauro Pioli, il sindaco di Lainate Alberto Landonio, l’assessora alle Politiche per le Relazioni di Comunità del Comune di Pero Serena La Placa e il sindaco di Rho Pietro Romano.

“Avete un record: siete gli unici ad essere entrati a Expo in bici” ha detto Giuseppe Sala, rivolgendo le sue congratulazioni ai ciclisti presenti all’Expo Centre per la cerimonia di inaugurazione. “La Via d’Acqua Nord, così come la Darsena – ha spiegato Sala -, è uno dei lasciti di Expo Milano 2015 al territorio. Il percorso che abbiamo inaugurato oggi permette di collegare sei Comuni e un comprensorio di circa 200mila residenti non solo a Expo, ma anche alla Fiera e al sistema di mobilità di Milano. Questo è un bellissimo segno di come i sindaci e le società che operano sul territorio abbiano fatto la loro parte”.

Il percorso ciclistico, dunque, è destinato a rimanere attivo anche dopo la conclusione dell’Esposizione Universale.

Etichette: