Pubblicato in: News

Ordinanza del governo: discoteche chiuse e mascherina all’aperto, i dettagli

RedazioneRedazione 1 mese fa

Update 16 agosto: un’ordinanza del ministro della Salute chiude da domani le discoteche in tutta Italia e impone la mascherina anche all’aperto nei locali e ove non sia possibile distanziare.

Il testo recita: “… obbligo dalle ore 18.00 alle ore 06.00 sull’intero territorio nazionale di usare protezioni delle vie respiratorie anche all’aperto, negli spazi di pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico nonché negli spazi pubblici (piazze, slarghi, vie) ove per le caratteristiche fisiche sia più agevole il formarsi di assembramenti anche di natura spontanea e/o occasionale”.

“Non sono ammesse deroghe con ordinanze regionali” chiarisce il provvedimento.

***

Dopo aver prolungato fino al 15 ottobre  lo stato d’emergenza, la cautela ha imposto di limitare eventi in cui gli assembramenti sono inevitabili, firmando un nuovo DPCM valido fino al 7 settembre.

Novità limitate, ma significative, dall’obbligo di tampone per chi arriva dall’estero (a causa dei nuovi focolai derivati da turisti al rientro dalle vacanze)  fino alle direttive regionali per le discoteche, create per limitare situazioni a rischio.

Il decreto è riferito soprattutto ai giovani, che stanno diventando i principali contagiati dal virus proprio a causa di vacanze, serate in discoteca ed eventi dove non è stato rispettato il distanziamento.

Cosa prevede il Decreto 12 agosto

  • Obbligo di tampone per chi rientra dai seguenti paesi: Malta, Grecia, Croazia e Spagna.
  • Obbligo di distanziamento su treni ad alta velocità e treni regionali. Dopo il tira e molla tra Ministero e Regione Lombardia è stato deciso che sui treni è ancora troppo presto per riprendere il 1o0% della capienza.
  • Gli aerei potranno invece viaggiare con il pieno carico di passeggeri a bordo. Questo perché, a differenza dei treni, non ci sono sedili posti uno di fronte all’altro, limitando la possibilità di contagio.
  • Si allunga la lista dei paesi dove è vietato viaggiare, con l’aggiunta della Colombia. Finora sono nella “black list” Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kosovo, Kuwait, Macedonia del nord, Moldova, Montenegro, Oman, Panama, Perù, Repubblica dominicana. Chi proviene dagli Stati Uniti è obbligato alla quarantena mentre chi arriva da Bulgaria e Romania deve essere sottoposto a tampone.
  • A partire dal 15 agosto ripartono le crociere, con limitazioni per aree comuni, bar e attività notturne simili a quelle già presenti a terra.
  • Ancora chiusi gli stadi, mentre le discoteche all’aperto stanno subendo pesanti sanzioni e limitazioni, con feste annullate e chiusure decise dagli organi regionali.
  • Possono ricominciare le fiere, pur con ingressi contingentati e misure di sicurezza stringenti.

Bonus casalinghe: cos’è e come funziona

All’interno del Decreto Agosto è presente un progetto dedicato alle casalinghe. Si tratta di un fondo del valore di 3 miliardi di euro per la formazione professionale e sociale delle donne che non lavorano o studiano. Non si tratta quindi di denaro elargito direttamente dallo Stato alle casalinghe italiane.

Il progetto è ancora al vaglio delle istituzioni, e come ha dichiarato Elena Bonetti, Ministro per le Pari Opportunità “si tratta di un ammortizzatore per incentivare il lavoro femminile tramite corsi gratuiti di formazione e iniziative culturali”. Il problema dell’occupazione femminile in Italia è piuttosto allarmante: nel nostro Paese meno di una donna su due lavora, con 7 milioni e 338 mila casalighe secondo i dati Istat, di cui il 51% è concentrato al Sud.

Non si tratta di corsi base: nelle intenzioni del Ministro il fondo andrebbe a finanziare aggiornamento digitale e lezioni di finanza e marketing, creando competenze fondamentali per il mondo del lavoro.  Entro il 31 dicembre 2020 il Ministero per le Pari Opportunità definirà metodi e dettagli per usufruire del progetto. Al momento si sa solamente che per partecipare le donne dovranno essere iscritte al Fondo di Previdenza delle casalinghe.

Misure speciali per Ferragosto

Ogni regione italiana con affaccio sul mare sta diramando ordinanze specifiche per la sera di Ferragosto, cercando di limitare gli assembramenti e gli eventi tipici della serata estiva.

Il Lazio vieta gli ingressi in spiaggia dalle 21.30 del 14 agosto alle 7 del mattino di sabato 15 agosto. Vietate le spiagge anche nella provincia di Ragusa, mentre il Salento vieta i falò in spiaggia.

Non mancano controlli anche in montagna, con l’attivazione da parte dell’Alto Adige di controlli antiassembramento nei rifugi delle Dolomiti.

Eventi e serate annullate a Vercelli, a causa del focolaio scoppiato qualche giorno fa.

Discoteche: le direttive regione per regione

Sono le discoteche il punto più discusso in questo Decreto, con pareri discordanti e possibili chiusure dopo il 20 agosto. Le decisioni sono prese a livello regionale, ma governo e il comitato scientifico spingono per la chiusura di tutte le discoteche, anche di quelle all’aperto. Già molte le sale da ballo chiuse in tutta Italia per il mancato rispetto delle norme anti Covid. Queste le manovre adottate dalle regioni più turistiche:

  • In Sicilia il governatore Musumeci ha deciso il numero chiuso nelle discoteche,
  • Emilia Romagna e Toscana hanno scelto il registro presenze e l’obbligo di ballare a due metri di distanza
  • Sardegna e Puglia puntano invece sull’obbligo della mascherina anche nei locali all’aperto.
  • La Calabria ha scelto di seguire le indicazioni del governo, chiudendo tutte le discoteche della regione fino al 7 settembre.
  • Il Veneto ha optato per la capienza al 50% delle strutture e mascherina obbligatoria