Pubblicato in: News

Nuovo decreto: stop agli spostamenti tra regioni e alle visite familiari in zona rossa

RedazioneRedazione 5 giorni fa
palazzo-chigi-governo-roma-min

Arriva oggi il primo decreto legge varato dal nuovo governo Draghi. Alcuni punti sono già trapelati in mattinata, tra cui la proroga di 30 giorni per il divieto di spostamenti tra regioni. Questo significa che sarà vietato muoversi liberamente da una regione all’altra almeno fino al 27 marzo, anche tra aree gialle.

Il premier Draghi ha comunicato che i nuovi decreti legge saranno comunicati almeno una settimana prima della messa in vigore, come richiesto dalle Regioni dopo la sospensione delle attività sciistiche appena 12 ore prima della riapertura.

Di seguito i punti più importanti rinnovati nel decreto valido dal 6 marzo 2021.

Regioni e colori

Restano le divisioni in fasce di colore, nonostante la richiesta dei rappresentati delle Regioni di organizzare il Paese con misure omogenee valide su tutto il territorio. Rimane valida la possibilità per le Regioni di applicare misure più restrittive nel caso di aumento dei contagi. La Lombardia è stata la prima ad attivare le zone rosse locali per quattro Comuni, tra cui Bollate, in provincia di Milano.

Il Dpcm del 16 gennaio scadrà il 5 marzo, quindi non è del tutto esclusa l’ipotesi di un colore univoco per tutta Italia, anche se è stata smentita l’ipotesi di zona arancione totale.

Spostamenti tra regioni

Come anticipato, gli spostamenti tra regioni sono vietati fino al 27 marzo, con una proroga di 30 giorni al divieto precedente. Per muoversi da una regione all’altra sarà necessaria l’autocertificazione per motivi di salute, lavoro o emergenza. Resta sempre valida la possibilità di raggiungere il proprio domicilio o la propria residenza.

Resta possibile raggiungere le seconde case anche se si trovano in zona rossa. Solamente un nucleo familiare alla volta può restare all’interno della casa, che non deve essere abitata da persone esterne alla famiglia. In caso contrario valgono le regole per gli incontri tra amici e familiari.

Si intendono come seconde case le abitazioni di proprietà o affittate prima del 14 gennaio 2021. In questo modo si escludono le case vacanze affittate per brevi periodi.

Incontri tra familiari e amici

Confermata la possibilità di vedere amici e familiari fino a due persone (escludendo minori di 14 anni e disabili dal conteggio). Questa possibilità è valida nelle regioni gialle in tutto il territorio regionale, in quelle arancioni solo all’interno dei Comuni o tra piccoli centri abitati (con meno di 5 mila abitanti), mentre è stato sospeso del tutto nelle zone rosse.

Coprifuoco

Il coprifuoco non è messo in dubbio e resterà attivo dalle 22 alle 5. Per spostarsi in quegli orari occorrerà l’autocertificazione, valida solo per motivi di salute, emergenza o lavorativi.

Etichette: