Pubblicato in: Cinema

Cate, milionaria sull’orlo di una crisi di nervi

blue_jasmine_ver2Uno Xanax dietro l’altro, buttato giù con generosi bicchieri di Martini, Jasmine (Cate Blanchett) è costretta a trasferirsi dal sofisticato Upper East Side di New York al modesto appartamento della sorella adottiva Ginger (Sally Hawkins), cassiera in un supermercato a San Francisco. Dopo la bancarotta e il suicidio in carcere dell’amatissimo (e altrettanto infedele) marito, la donna è infatti profondamente esaurita: lasciata sola dagli amici e dal figlioccio, aggrappata al suo vecchio stile di vita e completamente incapace di cambiare, Janet –questo il suo vero nome prima di sposare il milionario Hal (Alec Baldwin), costruisce intorno a sé un castello di menzogne e illusioni pur di entrare di nuovo a far parte della società “che conta”.

Con Blue Jasmine arriva, quindi, puntuale l’incontro fra Woody Allen e i suoi fan: fra il tragico e la farsa, scostandosi dalla produzione degli ultimi anni e omaggiando l’Elia Kazan di Un tram chiamato desiderio (1951), il 78enne regista americano racconta nuovamente il fallimento, la depressione e l’impossibilità di redimersi, forte delle interpretazioni solide e convincenti delle protagonista femminili, due sorelle che si scontrano in una gara all’infelicità nel continuo tentativo di definirsi in relazione a un uomo. E incappando sempre in quello sbagliato.

Fragilissima e ostinata, irritante e indifesa, Jasmine è probabilmente il personaggio più cupo e drammatico del cinema di Allen: non bastano a illuminarla neanche i rari momenti comici che punteggiano la sceneggiatura: rimarrà deluso, quindi, chi si aspetta i consueti dialoghi brillanti che da sempre fanno memorabili i suoi film. A mancare, è anche quella capacità di analisi psicologica di cui il regista ha dato più volte prova: il film finisce quindi per tratteggiare il mondo di Jasmine, rigido e senza sfumature, in modo frettoloso e piuttosto piatto. Una occasione non pienamente colta per Woody e un po’ di amaro in bocca per gli spettatori.

Voto: 6 e mezzo

Una frase: “Potete evitare di litigare? Non lo sopporto: il mio Xanax non sta funzionando”.

Per chi: per donne sull’orlo di una crisi di nervi

Etichette:

Non perderti un evento a Milano!

Ricevi solo eventi utili grazie alla Newsletter curata da Andrea

Aggiungiti agli altri 16.000 della community!