Pubblicato in: News

Riapre il Campanile dei Sospiri nella Basilica di San Celso, il più antico di Milano

Oriana DaviniOriana Davini 7 mesi fa
Campanile dei sospiri Milano (1)

Riapre al pubblico, dopo oltre un secolo, il Campanile dei Sospiri della Basilica di San Celso, il più antico ancora in funzione a Milano.

Tutti i weekend dalle 15 alle 20, a partire dal 24 marzo, la torre campanaria che vanta oltre mille anni di storia, aprirà le sue porte per una serie di visite guidate a cura del Gruppo MilanoCard.

La chiesa delle spose

Si tratta di un’occasione unica innanzitutto per godere di un panorama dall’alto di Milano difficilmente replicabile altrove, visto che la torre campanaria svetta per 30 metri tra via Molino delle Armi e via Santa Sofia.

E poi per entrare in contatto con una vecchia usanza meneghina, ovvero la tradizione che per secoli ha visto le sposine portare il proprio bouquet sotto il campanile come segno di buon auspicio per il proprio matrimonio. Ecco perché la Basilica di San Celso è conosciuta anche come la Chiesa delle Spose.

Il perché del nome

campanile dei sospiri
Foto: Alessio Cappuccio

Ma perché il campanile della Basilica di San Celso è detto dei Sospiri? Sicuramente per quelli d’amore e buone speranze delle tante spose sfilate ai suoi piedi. E poi per quelli dei santi e dei combattenti che nel corso dei secoli sono passati di qui.

Infine probabilmente per via dei sospiri che la vista dall’alto del campanile riesce a strappare ai visitatori, nonché quelli per la fatica di una salita non proprio amichevole per i meno allenati.

Visite guidate: tutte le informazioni

Le visite guidate al Campanile dei Sospiri si tengono ogni weekend dalle 15 alle 20 con cadenza ogni 30 minuti: è obbligatoria la prenotazione direttamente sul sito dell’iniziativa.

L’accesso è consentito a gruppi di massimo dieci persone alla volta: il costo è di 10 euro.

campanile dei sospiri
Foto: Alessio Cappuccio
Offerta Libraccio 2018