Pubblicato in: Food News

Befana del clochard al Principe di Savoia: 200 senzatetto serviti da vip e politici

Sara RidolfoSara Ridolfo 5 anni fa

City Angels

È in programma una Befana molto speciale per i senzatetto milanesi: il 6 gennaio 2016, 200 di loro saranno ospitati in uno dei più lussuosi hotel di Milano, il Principe di Savoia, per un pranzo a cinque stelle con dei camerieri d’eccezione: i candidati, e potenziali candidati, a sindaco di Milano.

La festa, all’insegna della fratellanza tra le etnie e del dialogo tra gli schieramenti politici e le religioni, è organizzata dai City Angels, i volontari di strada d’emergenza, noti per la loro pettorina rossa, che si occupano di soccorrere e aiutare “gli invisibili” per le strade di Milano, fondati nel 1994 da Mario Furlan (-> l’intervista).

L’appuntamento è per le ore 12 di mercoledì 6 gennaio presso l’Hotel Principe di Savoia, in Piazza della Repubblica 17, a Milano, quando arriveranno insieme i senzatetto e i loro “camerieri” d’eccezione. Il pranzo sarà rigorosamente vegetariano “nello spirito di pace e di non violenza di questo evento”, dichiara Furlan. Il menu: risotto allo zafferano, parmigiana di verdure miste, panettone e pandoro.

Anche i camerieri d’eccezione indosseranno la pettorina rossa e serviranno a tavola i clochard. Chi ci sarà? I politici intanto: Giuseppe Sala e Francesca Balzani del centrosinistra; il direttore del Giornale, e potenziale candidato del centrodestra, Alessandro Sallusti; la candidata del Movimento 6 Stelle, Patrizia Bedori; e l’ex ministro Corrado Passera.

Ma a servire ai tavoli ci saranno anche volti noti: le cantanti Ivana Spagna e Laura Bono, il gastronomo Edoardo Raspelli, i cabarettisti Leonardo Manera e Stefano Chiodaroli, il comico Enrico Beruschi, la grafologa Candida Livatino. I giornalisti Claudio Brachino, Giancarlo Mazzuca, Angelo Maria Perrino; ci sarà, inoltre, la madrina dei City Angels (presidente degli Amici della lirica) Daniela Javarone, che ha convinto l’albergo a prestarsi a questa iniziativa umanitaria. Con lei il presidente onorario dei City Angels, Michele Ferrario Hercolani.

All’insegna della fratellanza religiosa ci saranno, in veste di camerieri, gli esponenti delle tre religioni monoteiste: Mons. Franco Buzzi, prefetto della Biblioteca Ambrosiana; i due presidenti della Comunità ebraica milanese, Milo Hasbani e Raffaele Besso; e l’imam Mohsen Mouelhi; e inoltre 30 giovani delle scuole cattoliche, ebraiche e musulmane: “Saremo tutti uniti nella solidarietà, e sarà bello vedere ragazzi con la kippah accanto a ragazze col velo islamico – le differenze non conteranno, conterà soltanto la voglia di aiutare i più deboli” dice Mario Furlan, fondatore dei City Angels, che invita i giovani che vogliono partecipare a scrivere a info@cityangels.it: “Abbiamo riservato 10 posti da cameriere a chi, nella sua mail, dimostrerà di avere meglio capito lo spirito di questo evento“.