Anteo Palazzo del Cinema: tutte le informazioni
 

A Milano nasce l’Anteo Palazzo del Cinema con film anche alle dieci di mattina, nursery e caffè letterario

anteo_palazzo_del_cinema

Il progetto dell’ingresso del Palazzo del Cinema

*** AGGIORNAMENTO dell’8 settembre 2017

A Milano è tempo di trasformazioni e ristrutturazioni. Dopo la chiusura del cinema Apollo, tra i luoghi più cari ai milanesi, Anteo si è imbarcato in una nuova avventura con cui si spera di poter ampliare considerevolmente il numero di spettatori, dai 300.000 attuali a 500.000.

Con la ripresa della stagione cinematografica, venerdì 8 settembre 2017 ha aperto le porte l’Anteo Palazzo del Cinema. Il progetto, già facendoselo raccontare, promette faville: in linea con ciò che Lionello Cerri ha portato avanti in quarant’anni insieme ai suoi soci “ci sarà continuità”, ha esplicitato nel corso della conferenza stampa di presentazione.

Un progetto che – cosa che forse tutti non sanno – affonda le sue radici quando nel 1979 – quando 3 soci decisero di dare vita a uno spazio dedicato al cinema, ma anche alla cultura e di farlo proprio in via Milazzo che allora era “periferia”.

Quello che è oggi il Palazzo del Cinema, prima di essere rilevato dai 3, negli anni ha assunto diverse sembianze: è stata Casa del Fascio Gabriele D’Annunzio, durante il Ventennio e la seconda guerra mondiale, poi la sede della Costituente e infine luogo di riunione del Pci di Togliatti immediatamente dopo la liberazione. Nei suoi 30 anni e più di vita, il cinema ha vissuto periodi di alti e bassi e in particolare ha conosciuto una crisi quando ha cominciato a diffondersi la TV, ha comunque visto tra le sua sale più di 8 milioni di spettatori.

Gli orari d’apertura dell’Anteo Palazzo del Cinema

Avete mai pensato a un cinema dove poter entrare anche il lunedì mattina presto? Forse lo avevate solo sognato, ma da settembre 2017 sarà possibile visto che la struttura è aperta dalle dieci del mattino all’una di notte, tutti i giorni della settimana. Questo permetterà anche alle singole classi di potersi recare al cinema senza dover obbligatoriamente creare gruppi numerosi (ciò accadeva quando si dilatava l’orario in via straordinaria).

I nomi delle sale dell’Anteo Palazzo del Cinema

Una delle novità del Palazzo del Cinema è che, per ricordare tanti cinema che oggi a Milano non esistono in più (in ultimo il Cinema Apollo), le 10 sale hanno dei nomi che li ricordano e “mantengono in vita. Sono stati scelti dal pubblico tramite un sondaggio che partiva da una lista lunga lista di oltre 100 cinema che hanno spento le luci.

Ecco i nomi delle sale: Excelsior, Astra, President, Rubino, Astoria, Obraz, Abanella, Abadan, De Amicis, Nobel Eataly al cinema (che è il nome della sala ristorante), Ciak (che è la sala multimediale affittabile on-demand), Nuovo Arti (nome dello Spazio Piccoli).

L’Anteo Palazzo del Cinema e l’attenzione verso i giovani

Proprio l’ultima sala è una delle novità del Palazzo del Cinema. Siete genitori e dovete fare i turni per andare a vedere un film? O dovete sempre trovare una baby sitter all’ultimo momento?

Da oggi in poi, grazie allo Spazio Piccoli, potrete vedere il film e lasciare il vostro bambino a giocare, divertirsi e a fare attività che hanno un forte valore educativo, come per esempio, quello di insegnare ai bambini l’uguaglianza, il rispetto per gli altri e l’importanza dell’accogliere la diversità. Nel giorno della presentazione abbiamo incontrato il personale di Associazione Energie Sociali Jesurum che gestirà questo spazio e ci hanno assicurato “che non sarà un servizio di babysitteraggio, ma un modo per coinvolgere i bambini con diverse attività di valore”.

“Partendo dalla Nursery“, a cui avranno accesso bambini dai 3 ai 12 anni“, aveva spiegato Cerri durante la prima conferenza stampa, “verranno modulati percorsi formativi specifici per le diverse fasce di età, arrivando fino alla proposta di corsi legati sui vari ambiti dell’audiovisivo per gli adolescenti. La Nursery non avrà solo la funzione di intrattenere i bambini mentre gli adulti vanno al cinema, ma si porrà con un ruolo fortemente educativo, uno spazio aperto alla cittadinanza ricco di proposte, che affiancherà l’offerta di percorsi didattici per studenti e insegnanti”. Verranno pensate anche delle tessere per agevolare i più giovani.

I costi? Saranno pubblicati la prossima settimana. Intanto possiamo anticiparvi che lasciare il vostro bimbo per tutta la durata del film ha un costo di 15 euro, 25 se si fa cena + film. Saranno però previsti vari pacchetti e, cosa importante, lo Spazio Piccoli sarà anche a disposizione di chi non sta andando a vedere nessun film, ma magari vuole bere un caffè o accedere alla sala lettura.

anteo_palazzo_del_cinema_work_in_progress

La programmazione dell’Anteo Palazzo del Cinema

Per chi insegue la qualità, dando spazio anche ad anteprime, offrendo la possibilità di approfondire con gli autori e creando iniziative molto seguite dagli appassionati, le sfide sono sempre dietro l’angolo. Preparatevi: non ci saranno più scuse perché una sala sarà dedicata alle opere prime e seconde del cinema nostrano e un’altra ai film in lingua originale sottotitolati in italiano. Anche quest’anno si sono svolti dei corsi legati alla Storia del Cinema, ma coi nuovi abiti il ventaglio di proposte aumenta e sarà possibile seguire anche corsi di montaggio e fotografia.

Importante: in occasione dell’inaugurazione, venerdì 8 settembre dalle ore 17 a mezzanotte e sabato 9 settembre dalle 10 alle 15, le proiezioni avranno un prezzo ridotto e costeranno 2,50 euro. I biglietti saranno acquistabili anche sul sito www.spaziocinema.info e presso le biglietterie. A seguire, la programmazione continuerà a costo intero.

Ecco i film in programma nel weekend dell’inaugurazione:

  • Appuntamento al parco di Joel Hopkins, con Diane Keaton e Brendan Gleeson
  • Dunkirk di Cristopher Nolan, con Tom Hardy Cillian Murphy, Mark Rylance e Kenneth Branagh
  • Easy di Andrea Magnani, con Nicola Nocella e Ostap Stupka
  • Il colore nascosto delle cose di Silvio Soldini, con Valeria Golino e Adriano Giannini
  • In dubious battle – Il coraggio degli ultimi di James Franco con James Franco e Selena Gomez
  • L’inganno di Sofia Coppola con Elle Fanning, Colin Farrell e Kirsten Dunst
  • The teacher di Jan Hrebejk, con Zuzana Mauréry e Zuzana Konecnà
  • L’ordine delle cose di Andra Segre, con Paolo Pierobon, Valentina Camelutti e Giuseppe Battiston
  • Dove cadono le ombre di Valentina Pedicini, con Elena Cotta e Federica Rossellini

Le sale dell’Anteo Palazzo del Cinema

Se fino ad oggi l’Anteo ha goduto di quattro sale, col Palazzo del Cinema la città di Milano si ritroverà “undici sale, sviluppate su quattro piani, per un totale di 5.500 mq. Nove sale cinematografiche, una sala cinema-ristorante, una sala multimediale dedicata all’on-demand, servizi di ristorazione, servizi per l’infanzia e molto altro ancora: Anteo Palazzo del Cinema costituisce un progetto unico in Italia che sviluppa un nuovo modo di concepire la sala, mantenendo inalterate la qualità dell’offerta culturale e dei servizi” (dalla nota ufficiale).

L’idea della sala multimediale e di sale di lettura denota il valore che sottende ogni decisione: il Cinema come arte che aggrega e, al contempo, come un luogo dove sentirsi anche a casa. “Chiederemo ai cittadini di donare testi legati al mondo dello spettacolo”, cosicché l’utente possa consultare anche qualcosa di introvabile. Va specificato: “non è e non vuole essere un multiplex”.

Una chicca: la sala Atmos prevede uno schermo di circa 13 metri con 200 posti.

 La ristrutturazione dell’Anteo Palazzo del Cinema

Il progetto di ampliamento, costato 5 milioni di euro, è stato firmato dall’architetto Riccardo Rocco ed è “sostenuto completamente da Anteo”, che si è aperto “alle collaborazioni: innanzitutto quella con il Comune di Milano, proprietario dell’immobile, che ha affidato la gestione alla società per ventotto anni; con l’Assessorato all’Educazione e Istruzione e l’Assessorato Politiche Sociali, Salute e Diritti del Comune di Milano, che stanno collaborando alla realizzazione della proposta della nursery”.

Le partnership dell’Anteo Palazzo del Cinema

La libreria del cinema riapre ampliata sotto forma di Caffè letterario, “grazie all’importante partnership con Eataly, che si occuperà anche della proposta culinaria della sala ristorante-cinema.

Ecco le diverse proposte:

  • 18 euro biglietto del cinema + aperitivo con menu a scelta
  • 20 euro biglietto del cinema + pranzo light con menu a scelta
  • 25 euro biglietto del cinema + pranzo completo con menu a scelta
  • 35 euro biglietto del cinema + cena con menu a scelta.

Prosegue la collaborazione con Lipsos per l’Osteria del Cinema che triplicherà i suoi spazi: oltre allo storico ristorante al piano terra, un giardino con 70 posti a sedere e una birreria nella taverna sottostante.

È inoltre in essere una partnership con Mediamond che renderà Palazzo del Cinema un’eccellenza anche dal punto di vista degli arredi; e con Sharen’go, che consentirà al pubblico di Palazzo del Cinema di raggiungere la struttura attraverso l’uso di macchine elettriche con una tariffa convenzionata”.

Il caffè letterario dell’Anteo Palazzo del Cinema

Ricordate la libreria del cinema che c’era prima? Ha riaperto, ma in altra veste, quella di Caffè letterario, è stata infatti ampliata con l’adiacente bar di via Milazzo e sarà gestita grazie alla partnership con Eataly. Un luogo molto bello, con vista sulla strada, per leggere, chiacchierare, respirare libri e – perché no – per chi è libero professionista, anche lavorare. Insomma, il Palazzo del Cinema non è certamente un multisala, ma un luogo in cui vivere la cultura a tutto tondo.

Anteo Palazzo del Cinema, la photo gallery

(photo credits Milanoweekend.it, immagini di Cristina Maccarrone, Nicoletta Manganotti e Mariangela Traficante)

di Maria Lucia Tangorra

(hanno collaborato Cristina Maccarrone e Mariangela Traficante)