Spettacoli teatrali Milano 2017: 26 giugno - 2 luglio
 

Quattro spettacoli teatrali da vedere a Milano dal 26 giugno al 2 luglio 2017

Foto tratta dallo spettacolo 'Sandokan' de I Sacchi di Sabbia

Foto tratta dallo spettacolo ‘Sandokan’ de I Sacchi di Sabbia

Avete l’imbarazzo della scelta su cosa vedere a teatro? Vi state chiedendo come impiegare, culturalmente, quella sera libera o la domenica pomeriggio? Come ogni lunedì, Milano Weekend vi segnala alcune opere in cartellone nella nostra città: un nuovo appuntamento con lo #spiegoneteatri.

Ecco cosa vedere a teatro a Milano nella settimana dal 26 giugno 2017

Alcuni consigli sugli spettacoli in cartellone

— Sandokan o la fine dell’avventura (Teatro i 27 e 28 giugno)

Si tratta di un cult per tutti, anche per chi è così piccolo oggi da non aver mai visto il Sandokan di Kabir Bedi che rese famosa questa figura. Tratto da ‘Le tigri di Mompracem’ di Emilio Salgari, lo spettacolo della pluripremiata compagnia I Sacchi di Sabbia torna a Milano all’interno del format La CittàBalena, il teatro che ingloba la città. “Il luogo in cui si svolge l’azione è una cucina: attorno a un tavolo si raccolgono i quattro personaggi che, indossato il grembiule, iniziano a vivere le intricate gesta del pirata malese. Perno dell’azione è l’ortaggio, in tutte le sue declinazioni: carote-soldatini, sedani-foresta, pomodori rosso sangue, patate-bombe, prezzemolo ornamentale. E poi cucchiai di legno come spade, grattugie come cannoni, una bacinella piena d’acqua per il mare del Borneo, scottex per cannocchiali, e ancora sacchetti di carta, coltellini, tritatutto… Il racconto si affaccia alla mente degli spettatori, per poi esplodere con una frenesia folle che contagia. La cucina è casa di Sandokan, nave dei pirati, villa di Lord Guillonk, foresta malese, spiaggia di Mompracem” (dalla scheda). Lo spettacolo elogia l’immaginazione e si fa forte di un’intelligente ironia. “Piccoli uomini (noi) e i loro grandi sogni si scontrano in un gioco scenico buffo ed elementare. Chi avrà la meglio?”

ORARI: h 19,30

PREZZI: 6€

Eventi teatrali

— Aiace (Olinda, ex Ospedale Psichiatrico Paolo Pini 27 giugno)

Arriva in prima milanese l’Aiace della Compagnia StabileMobile di Antonio Latella per riflettere, in modo originale, sul tema dell’immigrazione.

“Ho incontrato Abraham Kouadio Narcisse sette anni fa”, ha dichiarato la co-drammaturga Linda Dalisi (a scrivere con lei Matteo Luoni), “nel primo anno di un laboratorio teatrale per migranti e italiani, che tuttora continuo a condurre a Napoli. Le nostre strade si sono incontrate molte volte, quasi sempre per la preparazione di uno spettacolo di fine laboratorio. Altre volte le strade si sono separate. Ho sempre letto in lui tante cose, innanzitutto il talento. Anche la follia. Anche la poesia. Anche la sfrontatezza e la tracotanza. Quando, poi, è risalito a galla un mio antico desiderio di entrare in contatto con la figura di Aiace, ha avuto il volto di Abraham. E le lingue che parla. Sofocle è uno dei riferimenti principali, ma anche Omero e Buñuel, Ian Curtis e Foucault, tutto converge in una riscrittura originale giostrata su più lingue: italiano, francese, bambara. Lo spazio della mente è abitato da forme non sempre codificabili e da suoni che nascono da un ombelico nascosto, profondissimo. Il battere di una vena nelle tempie, la voce che ti dice cosa fare adesso, come rimediare, la voce che senti dentro e che non verrà mai fuori per quella che è. Perché nessuno la capirebbe mai. Aiace è disperato e lucido. Con lui sta Odisseo, a cui Aiace non risponderà più. Con lui sta la voce di donna che lo accompagna, pur parlando una lingua diversa dalla sua”. Da queste parole si intuisce che tipo di lavoro ci sia alle spalle, a partire proprio dalla scrittura, e come lo spettacolo sia denso di suggestioni.

ORARI: h 21,45

PREZZI: intero 13€; ridotto 10€. Prenotazione necessaria a: 02 66200646 – olinda@olinda.org

— Lunanzio e Lusilla – La trilogia (Teatro Franco Parenti 30 giugno)

Dopo esser stato un menestrello dei quartieri da fine maggio, Lunanzio si ricongiunge con la sua Lusilla. Loris Fabiani, infatti, ripropone uno spettacolo da cui si può dire che è partita la storia di questo personaggio. In questo caso i panni di Lunanzio saranno indossati da Alessandro Marverti, mentre quelli di Lusilla dallo stesso Fabiani. Con una storia d’amore semplice, si vuole far riprovare le fasi d’amore che un po’ tutti noi conosciamo puntando e svelando il gioco teatrale. “Gli attori interpretano un teatro molto fisico, pulsante di energia positiva, rendendo un’idea tangibile di amore puro per la vita e per l’arte”.

Il ricavato sarà devoluto a Officine Buone Onlus per sostenere la presenza dell’arte negli ospedali italiani.

ORARIO: h 21

PREZZI: offerta consigliata 15€

— Milano è una cozza e altre storie (Spazio Banterle 30 giugno)

Per chi ama la città meneghina, questo reading tra parole e musica è un’occasione per un viaggio tra vie, monumenti, volti, curiosità e storia di Milano. “Scritti di giovani autori, accompagnati da brani e storie di Tessa, Gadda, Testori, Olmi. Suggestioni dal progetto di Narrativa Urbana: ‘Le Nuove Meraviglie di Milano‘, quattro volumi editi da Guerini e Associati a cura di Luca Doninelli. Milano è una Cozza è il titolo del primo volume. Le parole diventano, in uno spazio pre-teatrale, quasi una sorta di anticamera del teatro, autentiche architetture che racchiudono esistenze di persone tanto diverse tra loro quanto accomunate dal loro vivere la città, che non è semplicemente scenografia del loro esistere ma quasi il loro respiro” (dalla nota ufficiale). In scena Valerio Bongiorno (voce) e Gabriele Bernardi (tastiere).

ORARIO: h 20,30

PREZZI: intero 12€; ridotto under35, over65, convenzionati e studenti di teatro 7€