Dentro Caravaggio: a Milano la mostra sul grande maestro
 

Dentro Caravaggio: a Palazzo Reale la mostra che studia il grande artista

Dentro_Caravaggio_Palazzo_Reale_Milano_001

Michelangelo Merisi da Caravaggio
Riposo durante la fuga in Egitto, 1596-1597
Olio su tela, 135,5 x 166,5 cm
Galleria Doria Pamphilj, Roma

*** AGGIORNAMENTO dell’11 settembre 2017: visto l’alto numero di prenotazioni – ad oggi sono 61.629 tra singoli visitatori, gruppi e scolaresche –, il Comune di Milano comunica che a partire dal 18 settembre (alle ore 8) saranno aperte nuove disponibilità di prenotazione per i gruppi per visitare la mostra “Dentro Caravaggio”, in programma a Palazzo Reale dal 29 settembre al 28 gennaio 2018.

Dentro Caravaggio, nuovi orari

Per far fronte alle numerose richieste pervenute e alle esigenze dei visitatori, il Comune di Milano ha infatti deciso di ampliare i consueti orari di accesso di Palazzo Reale nelle fasce serali e di riservare l’ingresso alla mostra il lunedì mattina agli studenti delle scuole. Gli orari risultano quindi essere i seguenti: lunedì: 8.30 – 14.30 (riservato scuole); lunedì: 14.30 – 22:30; martedì: 09.30 – 20.00; mercoledì: 09.30 – 20.00; giovedì: 09.30 – 22.30; venerdì: 09.30 – 22.30; sabato: 09.30 – 22.30; domenica: 09.30 – 20.00.

L’accesso alla mostra è consentito fino a un’ora prima della chiusura. Per ragioni straordinarie la chiusura sarà anticipata alle ore 20.00 nei giorni 29 settembre, 16 e il 23 ottobre.

Le prenotazioni possono essere sul sito della mostra www.caravaggiomilano.it, sul sito VivaTicket e al numero 0292800375 ***.

Si chiama ‘Dentro Caravaggio‘ l’attesissima mostra che verrà ospitata al Palazzo Reale di Milano dal 29 settembre 2017. Non una data qualsiasi, ma quella del compleanno del grande artista che viene così omaggiato dalla sua città natale.

Ma l’esposizione ‘Dentro Caravaggio’ promette qualcosa di più: ospiterà 18 importanti capolavori di Caravaggio provenienti da diversi musei italiani ed esteri, affiancati per la prima volta dalle rispettive immagini radiografiche che permetteranno ai visitatori della mostra di comprendere la storia delle opere stesse nelle fasi di studio, preparazione e realizzazione fino al risultato visibile sulla tela.

I risultati scientifici che grazie ad apparati multimediali potranno essere ammirati provengono dallo studio approfondito della tecnica del maestro attraverso indagini iniziate nel 2009 su 22 opere autografate presenti a Roma e realizzate in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Romano, e con l’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro.

“Sono emerse così – afferma la curatrice Rossella Vodret – alcune costanti nelle modalità esecutive di Caravaggio, ma sono venuti anche alla luce elementi esecutivi inaspettati e finora del tutto sconosciuti: dagli strati di pittura sono affiorate una serie di immagini nascoste. Inoltre è stato sfatato il mito che Caravaggio non abbia mai disegnato, dacché sono apparsi tratti di disegno sulla preparazione chiara utilizzata nelle opere giovanili”.

Le riflettografie e le radiografie penetrano in diversa misura sotto la superficie pittorica e permettono di seguire il procedimento creativo di Caravaggio, portando a diverse interessanti scoperte. Per esempio, si è potuto constatare la svolta nella tecnica pittorica avvenuta nel 1600, quando a Caravaggio furono commissionati i dipinti della Cappella Contarelli in San Luigi dei Francesi. Per la prima volta l’artista avrebbe dipinto su grandi tele grazie a un incarico pubblico che gli avrebbe fruttato ben 400 scudi, un compenso ben più alto di quelli a cui era abituato a quel tempo. Per svolgere il lavoro, però, gli venne dato soltanto un anno di tempo e così il suo genio fu costretto a mettere a punto una tecnica che aveva il pregio di essere più ‘rapida’, ovvero la preparazione scura delle tele, sulle quali Caravaggio aggiungeva poi soltanto i chiari e i mezzi toni, di fatto dipingendo soltanto parte delle figure.

Alle indagini eseguite sulle opere romane di Caravaggio, a cura dell’istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro e dell’Opificio delle Pietre Dure, farà seguito una nuova campagna diagnostica sulle altre opere in mostra a cura dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca e del CNR.

La mostra di Palazzo Reale – prodotta da Comune di Milano-Cultura, Palazzo Reale e MondoMostre Skira, con il sostegno di Gruppo Bracco, partner dell’esposizione per le nuove indagini diagnostiche – esporrà anche diversi documenti provenienti dall’Archivio di Stato di Roma e di Siena che approfondiranno aspetti legati all’opera ma anche all’affascinante vita di Caravaggio.

“Si tratta della mostra più importante di quest’anno in città” ha affermato il sindaco di Milano Giuseppe Sala. “Spero venga apprezzata anche dalle scuole e mi aspetto che tanti turisti arriveranno in città attirati da questo grande evento artistico”.

RIASSUMENDO

Dentro Caravaggio

Palazzo Reale -Milano

Dal 29 settembre 2017 al 28 gennaio 2018

Prenotazioni aperte

Per informazioni: 0292800375