I grande Maestri della musica al cinema con Eterne armonie
 

I grande Maestri della musica al cinema con Eterne armonie

Foto: Musacchio e Ianniello

Antonio Pappano Foto: Musacchio e Ianniello

Organizzata dall’Associazione Amici delle Serate musicali, in collaborazione con Fondazione Cineteca Italiana e Institut Français Milano, prende il via il 14 gennaio la seconda edizione della rassegna Eterne armonie, che sarà dedicata quest’anno a I grandi maestri.

Un viaggio in cinque film intorno al maestro d’orchestra, un percorso attraverso le sue figure più carismatiche e rappresentative. La rassegna prevede i primi tre appuntamenti a Spazio Oberdan e sarà inaugurata (alle 19 di mercoledì 14 gennaio) da un film che vede protagonista Antonio Pappano e che esplora un aspetto strettamente musicale come il rapporto maestro-orchestra: Il carattere italiano, ritratto della prestigiosa Orchestra Nazionale di Santa Cecilia di Roma, attesissima a Milano per un concerto al Teatro alla Scala il prossimo 2 febbraio.

Si proseguirà quindi con una riflessione sulla dimensione sociale del maestro d’orchestra attraverso El sistema: musica per cambiare la vita, lungometraggio sullo straordinario progetto sociale e musicale messo a punto 32 anni fa in Venezuela da Josè Antonio Abreu e sostenuto e ammirato in tutto il mondo. La proiezione è prevista per mercoledì 21 gennaio alle ore 19.

Il terzo e ultimo appuntamento allo Spazio Oberdan sarà dedicato alla dimensione politica del maestro d’orchestra con il film A torto o a ragione, controverso racconto della vita di Wilhelm Furtwängler, considerato il “musicista del Terzo Reich”, proiettato mercoledì 28 alle 19.

La rassegna Eterne armonie si sposterà quindi all’Institut Français dove sono in programma due film: Le Roi danse (giovedì 5 febbraio, ore 20), sulla vita di Jean-Baptiste Lully, colui che è considerato il primo vero direttore d’orchestra e che visse nella Francia del Seicento alla Corte del Re Sole, e La symphonie fantastique (giovedì 12 febbraio ore 20), ritratto intimo e appassionato di Hector Berlioz, artista romantico e visionario nella Francia ottocentesca.

Le proiezioni allo Spazio Oberdan costano dai 7 ai 5.50 (con cinetessera, tessera socio Amici Serate Musicali o tessera dell’Institut Français).

Le proiezioni all’Institut Français sono ad ingresso libero.